informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare giornalisti professionisti a Viterbo? Tutto quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Come diventare giornalisti professionisti a Viterbo? Tutto quello che c’è da sapere Studiare a Viterbo

Come diventare giornalisti professionisti a Viterbo?  La domanda se la pongono in molti. Si perchè i passi per diventare giornalista professionista a volte non sono chiari. Ed il percorso formativo sembra confuso. Vediamolo meglio partendo dall’inizio.

Perchè diventare giornalista professionista

Chiedersi il perchè diventare giornalista professionista sembra banale, ma non lo è. Bisogna, infatti, essere molto convinti di avere non solo la passione ma anche la propensione per questo tipo di professione. Essere giornalisti non è solo scrivere. Si, certamente è una gran parte del lavoro ed è necessario farlo molto bene. Però bisogna essere anche molto intraprendenti, sapersi adattare alle situazioni, alle persone. Il giornalismo è anche ricerca e dedizione.
Se la risposta ci convince e siamo sicuri ecco allora cosa fare per diventare giornalisti.

Cosa studiare per diventare giornalisti

Non esiste un percorso di laurea obbligatorio per poter sostenere l’esame da giornalista. Per cui la scelta, almeno in questa fase è libera. Consigliate sono, ovviamente, lauree in campo sociologico ed umanistico come scienze politiche.

Ma non è detto che altri percorsi formativi non siano altrettanto validi, come economia. In fondo anche la professione di giornalista tocca ambiti molto vasti e specializzarsi non è sbagliato. Anzi, a volte è proprio questo che permette di trovare il posto di lavoro. Di esempi ce ne sono molti, come i giornalisti specializzati in campo economico, sportivo, e così via.

Ad esempio, se si vuole diventare giornalisti specializzati sulle mediazioni interculturali Unicusano offre un interessantissimo Master in mediazione interculturale. Grazie a questo Master, ad esempio, si potrà ottenere una specializzazione come giornalista interculturale. Niente di più attuale alla luce della complessa situazione mondiale.

Inoltre grazie alla possibilità di fruire il master in modalità e-learning il tempo a disposizione può essere gestito in assoluta autonomia. Allo stesso tempo fa prendere confidenza con nuovi ed avanzati mezzi tecnologici, di cui anche il giornalista non può fare a meno.

Come diventare giornalisti professionisti a Viterbo

Di sicuro però, per diventare giornalisti in Italia c’è un percorso post laurea da seguire.

Ai sensi dell’art. 1 legge n. 69/1963, “sono professionisti coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista”.

Una piccola distinzione va fatta dal pubblicista che è colui che svolge l’attività in maniera occasionale.

Il percorso post laurea prevede l’obbligo iscriversi all’Ordine dei Giornalisti del Lazio.

I passi per diventare giornalista professionista sono:

  • svolgere un praticantato (art. 34 legge n. 69/1963)
  • in alternativa aver frequentato per un biennio una delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti
  • infine sostenere l’esame di idoneità professionale (art. 32 legge n. 69/1963)

i passi per diventare giornalista viterbo

Il praticantato

Il praticantato deve essere svolto presso delle “strutture redazionali ed organizzative idonee a garantire al tirocinante l’esperienza formativa necessaria”. Ovvero redazioni che abbiano al proprio interno almeno 3 giornalisti professionisti, di cui almeno uno assunto con CCNL da giornalista professionista. Il candidato deve iscriversi al Registro dei Praticanti e certificare il suo tirocinio.

La durata complessiva del tirocinio deve essere 18 mesi. Esistono però tre tipo di praticantato possibile:

  • Praticantato con contratto da praticante

    E’ la normale procedura. E’ necessario consegnare all’Ordine il modulo di iscrizione accompagnato dalla dichiarazione di inizio praticantato, firmata dal direttore responsabile della testata, e una copia del contratto di assunzione

  • Praticantato da Free-lance.

    Per iscriversi al Registro da free-lance è necessario dimostrare di svolgere attività giornalistica da almeno tre anni. Per farlo bisognerà presentare della documentazione comprovante la collaborazione coordinata e continuativa, con almeno due testate qualificate ad iscrivere praticanti nell’apposito registro. Inoltre sarà obbligatorio indicare un tutor giornalista professionista iscritto presso l’ordine dei giornalisti del Lazio.

  • Praticantato d’ufficio

    Questa terza modalità è molto particolare. Riguarda il caso di richiesta di iscrizione nell’eventualità in cui il direttore della testata presso la quale si è svolto il tirocinio si rifiuti di firmare la dichiarazione di fine praticantato. In questa circostanza il candidato deve produrre la documentazione richiesta dall’ordine. Inoltre deve portare tre giornalisti professionisti assunti dalla stessa testata per testimoniare sull’effettivo lavoro svolto

L’esame di stato da giornalista

L’esame consiste in una prova scritta ed un orale.

Per la prova scritta consiste in:

  • una sintesi di un articolo giornalistico scelto tra quelli forniti dalla commissione esaminatrice di un massimo di 1800 caratteri
  • Un questionario di attualità e di cultura politico-economico-sociale a cui è necessario rispondere
  • la redazione di un articolo su argomenti di attualità scelto tra quelli proposti dalla commissione. Le proposte sono 6 ed i temi sono interni, esteri, economia-sindacato, cronaca, sport, cultura-spettacolo. L’articolo non deve superare i 2.700 caratteri.

La prova orale, invece, consiste in un colloquio nel quale verranno verificate le conoscenze temi come:

  • elementi di storia del giornalismo;
  • elementi di sociologia e di psicologia dell’opinione pubblica;
  • tecnica e pratica del giornalismo: elementi teorici fondamentali; esercitazione di pratica giornalistica;
  • norme giuridiche attinenti al giornalismo: elementi di diritto pubblico; ordinamento giuridico della professione di giornalista e norme contrattuali e previdenziali; norme amministrative e penali concernenti la stampa; elementi di legislazione sul diritto d’autore;
  • etica professionale;
  • i media nel sistema economico italiano;

Ecco come diventare giornalista professionista a Viterbo. Se sei interessato chiedi maggiori informazioni sul corso di laurea di Scienze Politiche di Unicusano per iniziare il tuo percorso. Se invece sei già laureato e ti interessa una specializzazione compila il form qui accanto e chiedi informazioni sul Master in mediazione interculturale.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali