informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Lavori più redditizi in Italia: info e spunti

Vorresti scoprire quali sono i lavori più redditizi in Italia?

In questo articolo ti sveleremo quali sono, ma andremo anche ad individuare i migliori master e corsi di laurea per ottenere le competenze necessarie per poterli svolgere. Quelli in grado di rendere i tuoi CV particolari o comunque più idonei possibili a ricoprire certi ruoli professionali.

Una vera e propria guida a tua disposizione, utile a scegliere quale carriera o percorso di studi possa essere più adatto alle tue ambizioni, esigenze e aspirazioni.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo e andiamo subito al sodo. Buona lettura.

Mestieri più pagati in Italia: ecco quali sono

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a scoprire insieme quali sono i lavori più redditizi in Italia, tra i mestieri più richiesti e le professioni ben pagate oggi e nel futuro. Allaccia bene le cinture: si comincia.

Studi e professioni più redditizie

Ma quali sono i lavori più redditizi in Italia?

A tal proposito un’indagine condotta dal Il Sole 24 ore, rivela che nei prossimi cinque anni i mestieri più pagati e ricercati saranno quelli relativi alle specializzazioni economiche e statistiche, mediche e sanitarie, nonché ingegneristiche e dell’insegnamento.

Conferme di questa tesi giungono anche da Unioncamere, secondo la quale già nel 2020 saranno più di 2 milioni e mezzo le persone qualificate che troveranno impiego in questi settori.

Naturalmente è più facile accedere a questi lavori più pagati con laurea. Per questo motivo, gli studi più redditizi riguarderanno le seguenti aree:

  1. Ingegneria. Da quella Civile all’Agroindustriale, dalla Biomedica alla Gestionale Industriale, dall’Elettronica alla Meccanica. Tutti corsi previsti dall’offerta didattica Unicusano;
  2. Economia. Unicusano a tal proposito eroga corsi di laurea in Economia Aziendale e Management o la Magistrale in Scienze Economiche;
  3. Giurisprudenza. Un classico intramontabile, certamente tra i più spendibili per trovare lavoro;
  4. Medicina e psicologia. Come il nostro corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche o le magistrali in Psicologia Clinica e della Riabilitazione o in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni;
  5. Insegnamento e Formazione. Il corso in Scienze dell’Educazione e della Formazione è uno dei nostri fiori all’occhiello. Possibilità di differenziare tra Curriculum Cognitivo Funzionale e quello Pedagogico Sociale.

Si tratta di ambiti professionali avanzati. Ecco perché è più difficile trovare spazio tra questi lavori più pagati senza laurea.

Ma non è tutto: la tecnologia fa passi da gigante e più avanti approfondiremo anche i lavori del futuro.

Lavori più pagati per le donne

lavori del futuroAlcune recenti ricerche, dimostrano come vi siano dei lavori più redditizi in Italia (e non solo) per le donne rispetto agli uomini. Ovvero delle professioni nelle quali il gentil sesso riesce spesso e volentieri a guadagnare più degli uomini. Ad esempio: panettiera, cameriera e barista, make up artist, responsabile selezione del personale, maestra d’asilo, operatrice tecnico sanitaria, dietologa e nutrizionista, fisioterapista, responsabile commerciale e assistente di segreteria amministrativa.

Detto questo, prima di passare al prossimo paragrafo, bisogna precisare che tra i lavori più redditizi in Italia iniziamo a trovare già oggi ingegneri e tecnici informatici.

Nel contempo il digitale sta sdoganando nuove figure professionali sempre più retribuite. In particolare nel mondo dell’import, dell’export e del fenomeno dei nostri giorni: l’e-commerce. Andiamo a scoprirne di più.

I lavori più pagati del futuro

Non a caso, tra i dieci mestieri nuovi e redditizi per antonomasia compaiono:

  1. Operatore import-export. Si occupa di ricevere ordini, organizzare e monitorare le spedizioni, gestendo anche le pratiche burocratiche di dogana. In base all’esperienza, può arrivare a guadagnare oltre 30 mila euro annui;
  2. Addetto alla dogana. Il suo compito consiste nell’organizzare i trasporti mare-terra, gestire i contratti con vettori e spedizionieri e occuparsi di svolgere le pratiche burocratiche connesse;
  3. Export manager. Colui il quale gestisce i clienti acquisiti dall’azienda di riferimento, attuare la sua politica commerciale per quanto riguarda il mercato estero. Uno dei manager più pagati in circolazione;
  4. Responsabile Vendite. Si occupa di acquisire e gestire clienti. Può arrivare a guadagnare tra i 20 e i 35 mila euro annui.
  5. Ingegnere informatico. Ti piacerebbe progettare e sviluppare microprocessori, programmi, applicazioni web, sistemi e circuiti elettronici guadagnando per questo più da 30 mila euro annui in su? Allora questo è uno dei lavori più redditizi in Italia che fa per te;
  6. Ingegnere energetico. Un professionista che si occupa di supervisionare la qualità e la produttività dei macchinari energetici. Retribuzione base iniziale sui 25 mila euro annui;
  7. Mobile Developer. Sviluppatore software e applicazioni per dispositivi mobili. In base all’esperienza si può guadagnare tra i 20 e i 40 mila euro annui Insomma, lavori strapagati in Italia.
  8. E-Commerce manager. Figura simile a quella dei responsabili vendite nei negozi. La differenza è che opera esclusivamente online;
  9. Traduttore e interprete. Delle classiche lingue più parlate come inglese, tedesco e francese, ma anche e soprattutto di quelle di riferimento per nuovi mercati come cinese, arabo o russo;
  10. Spedizioniere. Deve essere in grado di gestire le spedizioni in tutto il mondo per ditte esterne, compresi gli e-commerce.

Ed ecco svelati anche i lavori più richiesti nel prossimo futuro.

I master più spendibili nel mercato del lavoro

Abbiamo fin qui parlato dei lavori più redditizi in Italia di oggi e nel prossimo futuro, accennando anche quali corsi di laurea possono essere più utili per acquisire le conoscenze necessarie a poter ambire a ricoprire tali posizioni professionali.

E i master più spendibili nel mercato del lavoro? Non preoccuparti: abbiamo pensato anche a questo, dedicando un focus specifico a questo aspetto in quest’ultimo paragrafo.

In particolare, nell’ambito ingegneristico e informatico, di cui abbiamo largamente parlato, ti consigliamo:

  1. Data Analyst. Master di I livello finalizzato a formare una delle figure professionali più richieste in assoluto. Considerata dagli esperti la professione più interessante del secolo;
  2. Sicurezza delle reti informatiche. Master di I livello che può farti diventare colui il quale che si occupa di garantire la sicurezza informatica aziendale;
  3. Sistemi di gestione aziendale e gestione di impresa. Master di I livello volto a farti acquisire la capacità di guidare i processi aziendali verso la realizzazione di benefici economico-finanziari;
  4. Gestione, controllo e manutenzione dei processi industriali. Master di II livello utile a renderti in grado di rispondere alle esigenze legate ai processi industriali delle imprese di oggi, dai reparti produttivi alla  logistica interna;
  5. Innovazione, sviluppo e gestione di reti energetiche basate su energie rinnovabili.  Master di II livello in grado di infonderti competenze specialistiche per i settori altamente innovativi come quelli energetici e delle utility.

E con questo si chiude la guida Unicusano ai lavori più redditizi in Italia e sugli studi da seguire per poter ambire a ricoprire tali professioni. Abbiamo analizzato le professioni più richieste, i mestieri maggiormente retribuiti, i corsi di laurea e i master migliori per prepararti e lanciarti nel mercato del lavoro nel modo migliore. A questo punto non ci rimane che augurarti buono studio e buon lavoro.

Commenti disabilitati su Lavori più redditizi in Italia: info e spunti Studiare a Viterbo

Read more

Storia della sociologia: dalle origini ad oggi

Vuoi conoscere meglio la storia della sociologia?

Allora hai trovato l’articolo che fa per te. In questa guida, infatti, ripercorreremo le tappe e i personaggi più importanti di questa scienza sociale. Teorie, scuole di pensiero, libri scientifici, uomini e donne famose che hanno fatto la storia di questa disciplina fino ai giorni nostri.

Nei prossimi paragrafi tratteremo tutto e questo e molto altro, tutto ciò che è legato alla storia di questa importantissimo settore di studio.

Fatte queste doverose premesse, non perdiamo tempo e andiamo subito a scoprirne di più. Buona lettura.

Tutto quello che devi sapere sulla sociologia

Storia della sociologia, riassunto tappe principali e sociologi famosi, ma non solo. Partiremo innanzitutto dal significatodi sociologia per cercare di definire con esattezza di si occupa.

Sociologia definizione

Prima di andare a ripercorrere la storia della sociologia, dobbiamo chiederci che cos’è la sociologia.

Ecco come ne parla il vocabolario Treccani:

La sociologia è la scienza sociale che studia i fenomeni della società umana, indagando i loro effetti e le loro cause, in rapporto con l’individuo e il gruppo sociale. Un’altra definizione, più restrittiva, definisce la sociologia come lo studio scientifico della società.

L’enciclopedia collaborativa online Wikipedia, aggiunge al dibattito sulla definizione di sociologia che:

Altre definizioni storiche includono quella di Auguste Comte che la definisce uno strumento di azione sociale, quella di Emile Durkheim, cioè la scienza dei fatti e dei rapporti sociali, infine quella di Max Weber, scienza che punta alla comprensione interpretativa dell’azione sociale (interpretativismo).

Tra i principali modelli teorici della sociologia distinguiamo:

  1. Teorie dell’agire sociale e interazionismo simbolico. Si occupa principalmente dell’interazione sociale che ha luogo nella vita quotidiana delle persone;
  2. Funzionalismo. La società è concepita come un insieme di parti interconnesse tra di loro);
  3. Teorie dell’agire comunicativo;
  4. Sociologia relazionale. La società è fatta di relazioni sociali che non devono essere concepite come una realtà accidentale;
  5. Teorie dialettiche;
  6. Strutturalismo;
  7. Teorie della scelta razionale. Insieme di principi secondo i quali l’individuo pondera le proprie scelte in base ad un computo autonomo tra costi e profitti delle conseguenze di tale scelta;
  8. Teorie sistemiche.

Adesso dovresti già avere più chiaro di cosa stiamo parlando e di alcuni dei massimi esponenti della materia nella storia della sociologia. Più avanti impareremo a conoscerli meglio.

Nascita della sociologia: sintesi

che cos'è la sociologiaLa storia della sociologia come scienza autonoma, ha inizio in un particolare contesto temporale, segnato da alcune componenti significative della rivoluzione industriale del XIX secolo, lo sviluppo delle scienze naturali, l’espansione della classe borghese e l’emergere di alcuni gruppi di intellettuali scontenti dei risultati della Rivoluzione Francese.

La sociologia emerge in maniera forte in quel periodo come risposta accademica ai cambiamenti della modernità e alla disgregazione sociale da essa causata. Dunque allo scopo di comprendere cosa univa i gruppi sociali per prendere delle contromisure.

Mentre la sociologia moderna, volge la sua attenzione più sul grado di influenza esercitato dallee istituzioni sulla società e la vita quotidiana. Non a caso si sono sviluppate con il tempo diverse sottodiscipline: dalla sociologia del lavoro a quella dello sport, da quella dell’arte a quella della cultura e via dicendo.

I padri fondatori della sociologia

Tra i precursori della storia della sociologia novecentesca, di cui abbiamo parlato fino ad adesso, figura certamente Ibn Khaldun, vissuto ben prima: tra il 1332 e il 1406. Khaldun fu difatti il primo, già in quegli anni, a formulazione di teorie sulla coesione e sul conflitto sociale.

Ma le vere radici di questa disciplina sono da ricercare nella filosofia politica e sociale di Platone e Aristotele in primis, e poi di Hobbes, Machiavelli, Giambattista Vico, Rousseau, Hegel, Tocqueville ed Emerson.

Anche se fu il positivista francese Auguste Comte (nome completo Isidore Marie Auguste François Xavier Comte) a coniare per la prima volta il termine “Sociologia” nel XVIII secolo, nel tentativo di unificare tutti gli studi che riguardassero l’uomo: dalla storia alla psicologia, fino persino all’economia.

Altre 10 figure molto rilevanti nella storia della sociologia e nel suo sviluppo, pur non essendo tutti strettamente sociologi, sono state:

  1. Montesquieu (1689-1756). Precursore per l’indagine delle condizioni sociali, delle leggi e dei costumi di modelli sociali differenti;
  2. Rousseau (1712-1778). Anticipatore di temi sociologici come la disuguaglianza, la stratificazione e la proprietà privata;
  3. Anne Robert Jacques Turgot (1727-1781).
  4. Adam Smith (1723-1790). Come non citare la sua analisi sulla divisione del lavoro, gli studi sulla proprietà privata e l’idea dei benefici sociali della concorrenza;
  5. Adam Ferguson (1723-1816). Uno dei primi sociologi a mettere in evidenza i lati negativi indotti dalle attività ripetitive;
  6. John Millar (1735-1801). Anticipò alcuni punti fermi dell’analisi marxista;
  7. Sismonde De Sismondi (1773-1842). Intuì per primo le antitesi dello sviluppo capitalistico;
  8. Karl Marx (1818 – 1883). Sociologo della lotta di classe a favore del proletariato;
  9. Herbert Spencer (1820-1903). Altra faccia della sociologia della lotta di classe, a favore della borghesia;
  10. Vilfredo Pareto (1848 – 1923).  Discorso simile a quello fatto per Spencer.

Ordine sociologi contemporanei

Ed eccoci arrivati alle porte del XX secolo. In questo paragrafo scopriremo alcuni dei sociologi che hanno segnato l’epoca più contemporanea.

Continuando il nostro viaggio nel tempo virtuale, andiamo infatti a conoscere quelle personalità che hanno fatto la storia della sociologia post lotta di classe, tra la fine e l’inizio del ‘900 fino ai giorni nostri. Ecco una top five:

  1. Emile Durkheim (1858 – 1917). Di diritto nella nostra selezione grazie, in particolare, alla sua ricerca del superamento della lotta di classe;
  2. William James (1842 – 1910). Sua una delle ultime due correnti sociologiche del 900, ovvero l’interazionismo;
  3. Ferdinand Tonnies (1855 – 1936). Per la riflessione sulla alienazione e sull’impoverimento dei rapporti sociali e sulla perdita di identità;
  4. Edward Osborne Wilson (1929). La sua sociobiologia è l’altra delle due ultime correnti del XX secolo;
  5. Francesco Alberoni (1929). Sua la teoria dei movimenti collettivi in statu nascenti.

Ed eccoci quasi giunti alla conclusione della nostra guida sulla storia della sociologia. Ma prima di lasciarti, abbiamo pensato di farti un ultimo regalo. Scopri quale nell’ultimo paragrafo.

Studi sulla sociologia

Se sei un appassionato di storia della sociologia e vorresti diventare un esperto di questa disciplina, devi sapere che ci sono diversi corsi che hanno a che fare con questa materia. Tra questi, ti consigliamo in particolare.

  1. Curriculum Pedagogico sociale del corso di laurea in scienze della formazione. Prevede lo sviluppo e l’integrazione di conoscenze e competenze nelle discipline sociologiche e psicologiche;
  2. Master di II livello “L’epoca del mutamento globale. Il nuovo rapporto tra Società e Stato“.
  3. Master di II livello in Teorie, strumenti e metodologie per la valutazione del rischio stress lavoro Correlato. Siamo chiaramente nell’ambito della sociologia del lavoro.
  4. Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale in bullismo e cyberbullismo: studi e tecniche di intervento e prevenzione. Per quanto riguarda la sociologia della famiglia.

 Ma questi sono solo alcuni dei corsi che hanno a che fare con le tante discipline che hanno a che fare con i vari rami della sociologia. Per scoprirli tutti, ti consigliamo di dare un’occhiata all’area didattica del sito Unicusano.

E con questo volge al termine la nostra guida sulla storia della sociologia. Adesso ti senti più preparato sull’argomento? Speriamo proprio di sì.

Commenti disabilitati su Storia della sociologia: dalle origini ad oggi Studiare a Viterbo

Read more

Sport all’aria aperta: ecco quelli perfetti per gli studenti

Sei un amante dello sport all’aria aperta oppure vorresti iniziare a praticarlo, ma non sai da dove cominciare?

Allora hai trovato l’articolo giusto per te. In questa guida, infatti, ti daremo tutte le dritte utili su quali attività fisiche praticare per fare allenamenti all’aperto.

Anche perché, così come bere di più aiuta a studiare megliofare sport fa bene al corpo e alla mente di uno studente. Come ci hanno insegnato bene i latini con la famosa locuzione “Mens sana in corpore sano”.

Un corpo rilassato aiuta la mente a concentrarsi ed essere più elastica e meno stressata, anche quando deve applicarsi su dei libri scientifici.

Se vuoi approfondire meglio e comprendere appieno l’importanza dello sport all’aria aperta, non perderti i prossimi paragrafi. Inizia pure a mettere le scarpe da ginnastica, andiamo di corsa.

L’importanza dello sport per gli studenti

Perché fare sport se sei uno studente? Semplicemente perché i benefici dello sport all’aria aperta sono molteplici. Diverse discipline, infatti, stimolano lo sviluppo cognitivo, altre aiutano a migliorare la concentrazione e a staccare la spina, che ogni tanto non fa mai male. La pausa ideale dai libri e quella che prevede una bella boccata d’aria e un po’ di movimento. Da una semplice passeggiata al parco ad un po’ di sport in ambiente naturale.

Sport in palestra o all’aperto: differenze

Ti sarai sicuramente chiesto almeno una volta se è meglio fare sport all’aperto o al chiuso.

Premettendo che fare praticare sport fa bene sempre, farlo all’aria aperta può essere maggiormente indicato per uno studente, perché questo apporta benefici mentali, fisici e psicologici superiori e meglio orientati ad ottimizzare i risultati nello studio. Eccone alcuni:

  1. La luce naturale ha un effetto positivo sul corpo che aiuta a ridurre lo stress;
  2. La vegetazione contribuisce ad una stimolazione sensoriale positiva, il che provoca un aumento della serotonina fornendo maggiore sensazione di serenità e benessere;
  3. L’energia solare tende ad aumentare la vitamina D nell’organismo, anche se non bisogna esagerare e stare sempre attenti a non prendersi un colpo di sole, specialmente nelle ore più calde della giornata.

E poi, banalmente, perché stare troppo in ambienti chiusi, anche se a lavorare o a studiare, non fa mai bene.

Ad ogni modo, se sei uno studente, oltre a praticare sport all’aria aperta, è consigliabile preferire alcune attività specifiche rispetto ad altre. Sono particolarmente indicati, ad esempio:

  1. Sport di tutti i tipi, ma non troppo faticosi;
  2. Attività fisiche che possano stimolare tutto il corpo in maniera non ripetitiva;
  3. Competizioni di squadra che richiedano l’osservazione di regole sportive e una continua interazione con gli altri, siano essi compagni di squadra o avversari (anche 1 vs 1);
  4. Giochi che prevedano, preferibilmente, l’utilizzo della palla.

Caratteristiche che, in maggioranza, è più difficile svolgere al chiuso. E poi sport e divertimento all’aria aperta sono un connubio perfetto.

Il tipo di sport ideale per gli studenti

Sulla base di quanto detto fino a questo momento, cerchiamo di individuare concretamente quali possono essere gli sport all’aria aperta perfetti per gli studenti.

I cinque che più rispondono alle caratteristiche che abbiamo stilato nel precedente paragrafo possono essere Pallavolo, Beach Volley, Basket, Calcio e Rugby. Tutte attività e giochi di squadra basati sulla palla e l’interazione con gli altri e che se svolti fuori aumentano i loro benefici sul corpo e sulla mente, oltre ad aiutarti anche nello sviluppo della leadership personale.

allenamenti all'apertoSenza dimenticare la ginnastica all’aperto, l’aerobica e lo stretching, a proposito di stimolazione del corpo e della mente. Perché sciogliere e rilassare i muscoli stimola anche il rendimento nello studio. E poi naturalmente la corsa e il ciclismo, insomma gli amatissimi grandi classici.

Anche sport che prevedono una competizione a due, come Judo, Karate o Scherma, sono ottimi soprattutto se riesci a svolgerli all’aperto. Magari in uno dei tanti e meravigliosi parchi di Viterbo e dintorni.

Ottimizzare i vantaggi dello sport: tempo e dieta

Abbiamo svelato quali sono le migliori attività fisiche da svolgere per uno studente. Ma non vogliamo fermarci qui.

Sport all’aria aperta: elenco, ma non solo, dunque. Vogliamo anche cercare di individuare quanto tempo dedicare e quale dieta seguire per aumentare e mantenere più a lungo possibile i benefici di tali attività.

Possiamo affermare, ad esempio, che l’ideale è quello di svolgere tre sedute a settimana della durata di circa un’ora ciascuna.

Anche se, importanti studi e ricerche sulla materia dimostrano che già con cinque minuti al giorno di allenamento si ottengono risultati migliori. Inoltre quasi la metà (48%) dei giovani che praticano sport, riescono a studiare anche tre ore in più alla settimana rispetto alla media degli altri studenti.

Per quanto riguarda, invece, l’alimentazione, va detto che una dieta sana ed equilibrata aiuta da un lato ad affrontare meglio l’attività fisica, dall’altro a ottimizzare i risultati e mantenere il più a lungo possibile il cervello in funzione.

La perfetta dieta di uno studente, da abbinare allo sport all’aria aperta, deve essere ricca di minerali, poiché influiscono positivamente sulle funzioni celebrali. Il ferro fornisce ossigeno ai tessuti, il calcio e il magnesio aiutano i meccanismi psicomotori. E poi le vitamine anti ossidanti (o anti invecchiamento) che proteggono le cellule neurali.

Come conciliare sport e studio

Studiare e fare attività fisica non sono assolutamente due cose incompatibili. L’una non esclude assolutamente l’altra, anzi.

Come abbiamo già largamente sottolineato, infatti, fare sport all’aria aperta aiuta a rendere di più anche nello studio. Inoltre i tornei studenteschi sono molto frequenti e hanno una lunga e importante tradizione: dalle scuole elementari alle Universiadi, i Giochi Olimpici ai quali possono partecipare gli studenti iscritti a tutte le università del mondo.

Anche praticare sport all’area aperta a livello agonistico o professionale è possibile. Lo dimostrano i tanti sportivi laureati. Solo nel mondo del calcio si potrebbe formare un’intera squadra, formata da undici titolari e anche sette “panchinari”. A loro è dedicato l’ultimo paragrafo di questo articolo.

Come avrai modo di notare, alcuni dei campioni citati hanno conseguito la laurea studiando a distanza o seguendo lezioni online. Questa è una grande opportunità, rispetto alla quale l’Università telematica Niccolò Cusano rappresenta un’eccellenza italiana.

La squadra dei calciatori laureati

Ecco i nomi e le storie dei 18 campioni che formano un immaginario top team calcistico:

  1. Giorgio Chiellini ha conseguito due lauree. L’ultima, la magistrale nell’aprile 2016 in Economia e Commercio con una tesi sul modello di business della Juventus;
  2. Andrés Inesta ha una laurea in Scienze Motorie;
  3. Gerard Piquè ha frequentato un Master in Business, media, sports and enterteinment;
  4. Robert Lewandowski si è laureato in Educazione sportiva;
  5. Cesc Fabregas ha preso la laurea in Economia e commercio;
  6. Dries Mertens è un altro dottore in Scienze Motorie;
  7. Xabi Alonso si è laureato in Economia e commercio;
  8. Lorenzo De Silvestri è laureato in Economia e management dello sport;
  9. Angelo Ogbonna è dottore in Giurisprudenza;
  10. Yuto Nagatomo si è laureato nel 2010 in Economia Politica;
  11. Juan Mata seguendo dei corsi online ha conseguito un diploma di laurea in Marketing;
  12. Nigel De Jong è un altro big del calcio ad avere una laurea in Economia Politica;
  13. Adrian Mutu si è laureato prima dottore in legge e poi anche in Scienze e psicologia dello Sport;
  14. Edwin Van Der Sar ha ottenuto una laurea in Sports Management;
  15. Oliver Bierhoff ha preso a distanza una laurea in Economia;
  16. Massimo Oddo è laureato in Scienze giuridiche e manageriali dello sport;
  17. Arsène Wenger è laureato in ingegneria;
  18. Fabio Pecchia si è laureato in Legge nel 2007.

E con questo si conclude la nostra guida sullo sport all’aria aperta per gli studenti. Non ci rimane che augurarti buona attività fisica e buono studio.

Commenti disabilitati su Sport all’aria aperta: ecco quelli perfetti per gli studenti Studiare a Viterbo

Read more

Donne famose nella storia: 10 nomi da ricordare

Chi sono le più importanti donne famose nella storia?

Quelle che hanno fatto della loro eleganza e femminilità un’arma in più per conquistare il mondo, oppure le donne guerriere che hanno fondato il loro successo sullo sviluppo della leadership? Quelle che hanno scritto o si sono meritate menzioni speciali in libri scientifici, oppure le donne che sono diventate icone di bellezza attraverso foto storiche famose? Senza dimenticare le innumerevoli eroine femminili che hanno ispirato film, storie e racconti leggendari di ogni genere.

Le donne importanti che hanno determinato o influenzato il corso della storia sono tante e ognuna di loro è speciale a modo proprio.

Insomma, non esiste un modello unico per definire tutte le donne famose e di successo e ogni personalità fa storia a sé.

Ecco perché in questo articolo ti guideremo alla scoperta delle storie di dieci donne famose nella storia che hanno lasciato, o che stanno ancora lasciando, un segno indelebile del loro passaggio nel mondo. Grandi personaggi storici femminili italiane ed estere.

Curioso di scoprirle? Allora non perdiamo tempo e andiamo a conoscere i loro nomi e le loro storie.

Donne celebri della storia: nomi elenco

Abbiamo selezionato per te dieci nomi di donne famose nella storia da ricordare. Per farlo abbiamo voluto pescare, oltre che in diversi ambiti, anche in epoche storiche differenti. Partiremo dunque insieme a te per un viaggio nel tempo a ritroso, che parte dal XX secolo fino all’Antico Egitto.

Donne importanti: focus sul XX secolo

Iniziamo il nostro viaggio nel tempo dall’epoca contemporanea, attraverso le donne importanti del 900 nel mondo. Ecco subito cinque nomi tra scienziate famose, donne di fede, artiste, attrici e personalità politiche.

  1. Madre Teresa di Calcutta (1910-1997). Nome di battesimo Anjezë Gonxhe Bojaxhiu, è stata una religiosa cattolica albanese naturalizzata indiana. Conosciuta come fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della Carità, ha dedicato la sua vita ai poveri e ai bisognosi. La sua gentilezza e la sua spontaneità sono racchiuse in immagini celebri che hanno fatto il giro del mondo sensibilizzando l’intera umanità. Premio Nobel per la Pace nel 1979, è stata proclamata beata da Papa Giovanni Paolo II nel 2003, nonché Santa da Papa Francesco nel 2016;
  2. Marilyn Monroe (1926-1962). Attrice, cantante, modella e produttrice cinematografica statunitense. Una delle donne più desiderate di tutti i tempi, morta prematuramente all’età di 36 anni. Icona del cinema e della moda, la sua scena più celebre è probabilmente quella in cui il vento causato dal passaggio della metropolitana agita la gonna del suo elegante vestito bianco;
  3. Eva Duarte (1919-1952). Attrice di teatro, radio e cinema, ma soprattutto politica, sindacalista e filantropa argentina. Nota come Evita Perón, in quanto seconda moglie del Presidente Juan Domingo Perón. Sia da First Lady, che dopo la morte del marito (avvenuta a soli 33 anni a causa di un tumore), Evita divenne molto amata dal popolo e influente grazie alle sue battaglie in favore dei diritti dei poveri e dei lavoratori;
  4. Frida Kahlo (1907-1954). Pittrice messicana simbolo dell’emancipazione femminile. Inizia a dipingere dopo un incidente che la costringe a letto per un anno. Sposa il pittore Diego Rivera, con il quale vive un amore tormentato;
  5. Marie Curie (1867-1934). La più grande scienziata donna della storia. Nobel per la fisica nel 1903 e per la chimica nel 1911.

Donne coraggiose nella storia italiana

Abbiamo già svelata metà della nostra top ten, partendo dalle donne famose nella storia più vicine a noi come epoca vissuta.

Vuoi scoprire i restanti cinque nomi? Allora apriamo uno spaccato sulle donne importanti nella storia italiana. Da chi ha contribuito all’Unità del Paese a chi l’ha aiutato a crescere e ad istruirsi, fino alla prima Presidente della Camera donna. Come sempre a ritroso.

  1. Nilde Iotti (1920-1999). Politica italiana che ha stabilito diversi record. Leonilde detta Ilde, già compagna di Palmiro Togliatti, non è stata solo la prima donna ad assumere una delle prime tre cariche istituzionali del nostro Paese, ma anche l’unica Presidente della Camera in carica per tre mandati, svolti tra il 1979 e il 1992;
  2. Maria Montessori (1870-1952). Conosci il metodo Montessori? Un sistema educativo adottato in oltre 60 mila scuole in tutto il mondo e che si deve a questa educatrice, pedagogista, filosofa, medico, neuropsichiatra infantile e scienziata italiana, una delle prime donne a laurearsi in medicina in Italia;
  3. Anita Garibaldi (1821-1849). Rivoluzionaria di origine brasiliana, ma italiana d’adozione. Il suo vero è Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva, moglie di Giuseppe Garibaldi, non a caso ribattezzata l’eroina dei due mondi. Si narra che fu proprio Anita ad insegnare a Giuseppe, fino ad allora del tutto inesperto di equitazione, ad andare a cavallo.

E con queste tre personalità illustri di donne famose nella storia d’Italia, la nostra top ten è quasi completa. Mancano però ancora due nomi, che andremo a prendere scavando ancora più indietro a ritroso nel tempo. Di chi siamo parlando? Scoprilo nell’ultimo paragrafo.

Grandi donne del passato

Eccoci quasi giunti alla conclusione della guida Unicusano sulle donne famose nella storia d’Italia. Per completare la nostra top ten mancano solamente due nomi che provengono da tempi più remoti.

  1. donne guerriereGiovanna d’Arco (1412-1431). La Pulzella d’Orléans è una delle più famose eroine della storia, nonché Patrona di Francia e Santa della Chiesa Cattolica. Essa è stata infatti beatificata nel 1909 da Pio X e canonizzata nel 1920 da Benedetto XV, nobilitando la figura della giovanissima contadina lorense al rogo per eresia nel 1431 da parte degli inglesi, che la arsero viva a soli 19 anni. Giovanna, dichiarandosi guidata da Dio, aveva diretto vittoriosamente le armate francesi contro quelle inglesi rompendo l’assedio d’Orleans e vincendo la battaglia di Patay nel corso della guerra dei cent’anni, recuperando parte del territorio che era stato conquistato da questi ultimi. Catturata dai Borgognoni davanti a Compiègne, Giovanna venne venduta agli inglesi andando incontro al suo atroce destino;
  2. Cleopatra (69 a.C. – 30 a.C.). Ultima regina del regno tolemaico d’Egitto e dell’età ellenistica. Nonché probabilmente la sovrana più nota di sempre dell’Antico Egitto. Storica nemica della Repubblica Romana, tra le tante frecce al suo arco non solo quelle militari ed economiche, dall’imponente flotta ad un esercito forte, ma anche un grande fascino femminile. A tal punto da essere stata in grado di sedurre due importanti e influenti politici e condottieri romani come Giulio Cesare e Marco Antonio. Gli uomini più potenti del mondo dell’epoca erano ai suoi piedi.

Personaggi che hanno fatto la storia: qual è la tua donna preferita?

E con gli ultimi due nomi siamo arrivati a quota dieci donne famose nella storia, da Cleopatra a Madre Teresa di Calcutta, passando per Giovanna d’Arco, Anita Garibaldi, Maria Montessori, Nilde Iotti, Marie Curie, Frida Kahlo, Evita Perón e Marilyn Monroe. Una top ten completa e variegata, ma che da sola non può certo contemplare tutte le straordinarie ed infinite eccellenze femminili che hanno contribuito con la loro intelligenza, la loro bellezza e il loro coraggio, a costruire il mondo nel quale oggi viviamo. Chi tra queste è la tua eroina preferita?

Commenti disabilitati su Donne famose nella storia: 10 nomi da ricordare Studiare a Viterbo

Read more

Indirizzi universitari: ecco come orientarti nella scelta della facoltà

Non sai quali indirizzi universitari siano più adatti a te?

Stai tranquillo, non c’è bisogno di consultare cartomanti, teorie o libri scientifici particolari per capirlo. Perché in questo articolo cercheremo di dissipare ogni tuo ragionevole dubbio. Consideralo una vera e propria guida di orientamento allo studio, finalizzato alla ricerca dei corsi di laurea a te più congeniale, anche in base alle materie universitarie trattate e ai migliori master che ne potrebbero seguire poi.

Per questo motivo abbiamo stilato per te una lista delle Facoltà universitarie che certamente ti aiuterà a capire meglio qual è il miglior percorso da intraprendere per la tua vita e la tua carriera. Senza dimenticare di suggerirti alcuni test psicoattitudinali in grado di facilitare ulteriormente la tua scelta.

Fatte queste doverose premesse, entriamo nel vivo della questione: quanti e quali sono gli indirizzi universitari tra i quali poter scegliere?

Quello che devi sapere su tutte le facoltà universitarie

Sei curioso di iniziare questo nostro viaggio tra gli indirizzi universitari, alla ricerca di quello che più rispecchia le tue passioni o aspirazioni? Molto bene, allora non perdiamo tempo ed andiamo subito a conoscere i corsi universitari che abbiamo pensato possano interessarti. Buona lettura.

Lauree scientifiche: elenco

Iniziamo questo nostro giro di perlustrazione cominciando dalle facoltà universitarie scientifiche, tecniche, giuridiche ed economiche.

Tra le lauree più utili in campo economico-giuridico, ti segnaliamo:

  1. Laurea in Economia Aziendale e Management. Ovvero il corso triennale che offre sbocchi lavorativi in diversi ambiti professionali inerenti l’amministrazione, la contabilità e il controllo nelle imprese private e pubbliche, ma anche la gestione delle risorse umane e il management nelle imprese;
  2. Laurea Magistrale in Scienze Economiche. Una delle lauree magistrali più spendibili nel mercato del lavoro. Si articola in due anni di corso basati sulla preparazione necessaria per intraprendere una carriera manageriale o dirigenziale sia nel pubblico che nel privato, nelle imprese finanziarie e creditizie o di consulenza in ambito economico e finanziario;
  3. Corso di Laurea in Giurisprudenza. Indubbiamente una delle Facoltà più prestigiose. In questo caso la durata del corso è di 5 anni ed è fondamentale per spalancare le porte agli sbocchi professionali legati all’avvocatura, la magistratura o il notariato. Determinante anche nel pubblico impiego, in politica o in organismi istituzionali nazionali e internazionali, associazioni o fondazioni di diversa natura.

Tra le lauree tecniche, invece, a farla da padrona è certamente ingegneria. Essa però racchiude diversi ambiti di studio. Le principali facoltà universitarie triennali in questo settore sono:

  1. Ingegneria Civile;
  2. Ingegneria Agroindustriale;
  3. Biomedica Industriale;
  4. Gestionale Industriale;
  5. Elettronica Industriale;
  6. Meccanica Industriale.

Mentre tra i rami di ingegneria magistrali consigliamo:

  1. Meccanica;
  2. Civile;
  3. Elettronica.

Facoltà universitarie umanistiche, politologiche e della formazione

Se gli indirizzi universitari inerenti materie tecnico-scientifiche o giuridico-economiche non fanno al caso tuo non disperare. Perché è giunto il momento di cambiare totalmente ambito.

Iniziamo con Psicologia, una delle lauree in Italia più richieste. Ecco alcuni indirizzi universitari specifici in questo ambito:

  1. Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche;
  2. Laurea magistrale in Psicologia Clinica e della Riabilitazione;
  3. Magistrale in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

Se invece la tua vocazione è l’insegnamento, non esiste scelta migliore di Scienze dell’Educazione e Formazione. Dove, in particolare, distinguiamo due tipi diversi di indirizzi universitari:

  1. Curriculum Cognitivo Funzionale.
  2. Curriculum Pedagogico Sociale.

Si tratta di due corsi collegati da un percorso iniziale di conoscenze teoriche e competenze operative di base. Ma, come intuibile dal nome del curriculum stesso, orientati verso sbocchi occupazionali diversi.

Concludiamo con l’area politologica, all’interno della quale potresti scegliere optare per un Corso di laurea triennale in Scienze Politiche e per una magistrale in Relazioni Internazionali.

Nuove facoltà universitarie: perché la laurea online conviene

orientamentoVorresti iscriverti ad uno degli indirizzi universitari che abbiamo elencato, ma non sei in grado di garantire una presenza fissa a lezione, perché lavori, hai impegni familiari o di qualsiasi altra natura che te lo impediscono? Non preoccuparti, abbiamo la soluzione anche a questo, pur non dimeno mantenendo un alto livello formativo.

L’università telematica Niccolò Cusano, infatti, eroga corsi di laurea fruibili completamente online. Questo è possibile grazie all’utilizzo di una piattaforma e-learning personalizzata attraverso la quale vedere e rivedere le lezioni quando vuoi, da dove vuoi e per tutte le volte che vuoi. Senza alcun limite al numero di visualizzazioni. In questo senso iscriversi a delle facoltà universitarie Palermo, Milano o Viterbo cambia poco. Ma non è tutto: anche il materiale didattico sarà messo a tua disposizione caricandolo sulla piattaforma.

Insomma, tutto quello che devi fare è studiare, a tutto il resto pensiamo noi. Ti troverai così nelle condizioni migliori per conciliare studio, lavoro o famiglia.

Gli elevati standard e obiettivi formativi sono garantiti dall’alto profilo dei docenti degli esperti di settore che seguono ogni singolo corso. Essi sono in grado di fornirti le adeguate conoscenze, sia dal punto di vista pratico che teorico, per indirizzarti verso gli sbocchi lavorativi e le aspirazioni da te auspicate. Oppure, nel caso in cui già lavori, a consentire un salto di qualità alla tua carriera professionale.

Un metodo unico nel suo genere, flessibile e di qualità. Che mette te e la tua formazione al centro di tutto. Cosa chiedere di meglio?

Test psicoattitudinali

Adesso hai le idee più chiare sulle differenze tra i vari indirizzi universitari?

Se hai ancora dei dubbi, ti consigliamo di “scavare” dentro te stesso svolgendo alcuni test di orientamento universitari, al fine di meditarci sopra e schiarirti ulteriormente le idee.

Se vuoi provare dei test psicologici seri e attendibili, prova a rispondere alle seguenti domande:

Un libro il cui titolo è “lo sviluppo umano” parlerà sicuramente:

  1. Della fase tra la pubertà e l’adolescenza;
  2. Del cambiamento delle relazioni umane e della società;
  3. Del boom economico del dopoguerra;
  4. Della tecnologia.

Davanti alla Venere di Botticelli vi ritrovate a pensare che:

  1. Quanto vale un quadro così famoso?
  2. L’anatomia della donna nei secoli si è modificata molto;
  3. L’amore e la natura sono le forze motrici dell’universo;
  4. Quali saranno i materiali più adatti per restaurarlo?

Con il mio primo stipendio comprerò:

  1. Un biglietto aereo;
  2. Un pc portatile;
  3. Una piccola opera d’arte.
  4. Un regalo ai miei genitori.

Tra dieci anni ti immagini:

  1. Sto facendo il giro del mondo su una barca a vela;
  2. Sono single e sto arredando la mia prima casa;
  3. Convivo felicemente con tre figli;
  4. Vivo comodo e viziato dai miei genitori.

Siete il nuovo giornalista del telegiornale nazionale. Il servizio dei vostri sogni:

  1. Sulle numerose truffe di cui sono vittime ogni giorno i consumatori;
  2. Sulla delicata situazione in Medio Oriente;
  3. Sul ritrovamento di una piramide Maya nascosta finora nella selva;
  4. Sull’uscita di uno smartphone dalla tecnologia sofisticata.

Qual è lo slogan che generalmente ti accompagna?

  1. Chi fa da sé fa per tre;
  2. Chi la dura la vince;
  3. Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni;
  4. Tutti per uno, uno per tutti.

Troverai domande simili nei test d’orientamento agli indirizzi universitari di Unicusano.

Commenti disabilitati su Indirizzi universitari: ecco come orientarti nella scelta della facoltà Studiare a Viterbo

Read more

Serie TV pirati: ecco le 10 da non perdere

Hai cercato sul web serie TV pirati, ma non hai trovato i film streaming o le fiction d’avventura che desideravi?

Non preoccuparti, perché dopo averti raccontato i migliori film sugli artisti, proseguiamo le nostre recensioni cinematografiche e sui telefilm più in voga del piccolo schermo, occupandoci proprio con le serie TV imperdibili a tema pirati.

L’articolo che stai leggendo, infatti, vuole essere una vera e propria guida di questo particolare genere di fiction.

Sei pronto a salpare per i sette mari, attraccare barche e scoprire nuove meravigliose isole? Allora non perdiamo tempo, leviamo l’ancora e partiamo subito all’arrembaggio. Augurandoti buona lettura e…buona futura visione.

Telefilm pirati e simili: ecco più belli e dove vederli

Come abbiamo già accennato, il leitmotiv di questo articolo sarà “Serie TV Pirati”. Andremo cioè alla scoperta dei migliori telefilm che raccontano le gesta di questi controversi, tenebrosi e affascinanti marinai. Non solo fiction televisive, ma anche cartoni animati per grandi e piccini. Tu prepara i popcorn, a suggerirti cosa guardare e dove, ci pensiamo noi.

Balck Sails: trama ed episodi

Iniziamo il nostro viaggio dal titolo serie TV pirati, dal re incontrastato dei telefilm di questo appassionante genere: Black Sails.

Neanche a dirlo, è una produzione statunitense, trasmessa dal 2014 per un totale di 4 stagioni. Ecco perché se hai cercato Black Sails 5, non hai trovato nulla.

Si tratta dell’antefatto del romanzo di Robert Louis Stevenson L’isola del tesoro. Ma ecco la trama Black Sails Wiki:

«La vicenda, ambientata nel 1715 durante l’età d’oro della pirateria, racconta la storia della Walrus e del suo equipaggio durante la ricerca del galeone spagnolo Urca de Lima, che trasporta un ricco bottino in oro della flotta delle Indie Occidentali.

La Walrus, capitanata da James Flint insieme al nostromo Billy Bones e al cuoco di bordo John Silver, verrà affiancata dalla Ranger, dotata di una temibile ciurma composta dal capitano Charles Vane, lo scaltro quartiermastro Jack Rackham e la spietata Anne Bonny. Partendo insieme dall’isola di New Providence, che i pirati hanno reso la loro capitale, entrambi i capitani si dovranno fidare del cuoco John Silver, unico a conoscere interamente la rotta seguita dalla nave spagnola».

Di Black Sails episodi ce ne sono 38 in totale: 8 nella prima stagione, 10 nella seconda e altrettanti nella terza e nella quarta.

Black Sails 4: Cast e streaming

Gli interpreti e i personaggi principali, dalla prima serie fino alla quarta, sono essenzialmente 17. Andiamo a svelarli tutti:

  1. Toby Stephens (alias James Flint)
  2. Hannah New (Eleanor Guthrie)
  3. Luke Arnold (John Silver)
  4. Jessica Parker Kennedy (Max)
  5. Tom Hopper (Billy Bones)
  6. Zach McGowan (Charles Vane)
  7. Toby Schmitz (Jack Rackham)
  8. Clara Paget (Anne Bonny)
  9. Mark Ryan (Hal Gates)
  10. Hakeem Kae-Kazim (Signor Scott)
  11. Sean Cameron Michael (Richard Guthrie)
  12. Louise Barnes: (Miranda Barlow)
  13. Rupert Penry-Jones (Thomas Hamilton)
  14. Luke Roberts (Woodes Rogers)
  15. Ray Stevenson (Edward Teach)
  16. David Wilmot (Israel Hands)
  17. Harriet Walter (Marion Guthrie)

film streamingIn Italia, le prime tre stagioni sono state trasmesse su AXN, mentre la quarta da Sky Atlantic. Per guardare Balck Sail streaming, invece, è possibile collegarsi a Netflix.

Crossbones

Qui regna il temibile Barbanera, un pirata a capo di un luogo popolato da ladri e criminali senza scrupoli.

Insomma: una grandissima minaccia per la pace e il commercio internazionale. Barbanera, però ha una grande debolezza: non resiste al fascino e all’influenza di una donna. Basterà per farlo crollare?

Se c’è una serie TV pirati che può competere con Black Sails, è sicuramente Crossbones. Le vicende di questa serie TV pirati sono ambientate nel 1715 e precisamente sull’isola di New Providence, nell’arcipelago delle Bahamas.

Treasure Island – L’isola del tesoro

Finalmente una serie TV pirati animata, quindi più adatta ad un pubblico di bambini, ma soprattutto una produzione italiana. Si tratta infatti di una libera interpretazione del romanzo di Robert Louis Stevenson realizzata da Rai Fiction e Mondo Tv.

Andata in onda in prima visione nel 2016, racconta le avventure del giovane Jim Hawkins, partito alla ricerca di un misterioso tesoro. Con lui, fin da subito, il dottor Livesey, mentre durante il viaggio si uniranno alla compagnia anche altri personaggi: Jojo, le sorelle Stenforn e un anziano pirata di nome Long John Silver.

Marco Polo

Chi non conosce l’ambasciatore, scrittore, viaggiatore e mercante italiano tanto celebre nella storia medievale? A lui è ispirata e dedicata questa serie televisiva di successo prodotta da Netflix. 

Ambientata, manco a dirlo, tra la Venezia del 1274 e l’Impero Mongolo, meta del lungo viaggio intrapreso dal giovane protagonista al seguito del padre e dello zio.

The Last Kinkdom

Più che una serie TV pirati, lo è sui Vichinghi. Si tratta dell’adattamento per il piccolo schermo dei romanzi storici di Bernard Cornwell.

Siamo nel IX secolo, in una Gran Bretagna all’epoca divisa in sette regni e occupata, appunto, proprio dai Vichinghi. Quelli provenienti dalla Danimarca catturano il piccolo Uhtred, figlio di un nobile sassone, che uno di loro crescerà come un figlio. Finché questo “padre adottivo” viene ucciso e Uhtred decide di vendicarlo. Un’esperienza che lo porterà a fare i conti con il proprio passato.

Mostri e Pirati

Altra serie TV pirati italiana a cartoni animati, 13 episodi prodotti da Red Whale, Magic Production Group e Mondo TV nel 2007.

A disegnarla ci ha pensato un’artista d’eccezione: il noto fumettista italiano Emilio Urbano, che ha lavorato tra l’altro anche per i classici Disney, Simba e il Re Leone, Topolino, le W.I.T.C.H. e il fumetto Ratatouille.

One Piece – Tutti all’arrembaggio

Con questa serie TV pirati entriamo nel mondo dei manga. In particolare con la storia di Monkey D. Rufy, un giovane pirata sognatore che da piccolo ha avuto un piccolo incidente. Egli ha infatti mangiato il frutto del diavolo Gom Gom e questo lo ha reso un uomo di gomma in grado di allungarsi e deformarsi.

Ma il suo vero sogno è quello di ritrovare il leggendario tesoro One Piece e diventare il Re dei pirati. Per fare questo mette in piedi la bizzarra e variegata Ciurma di Paglia. Riusciranno insieme a realizzare questa ambiziosa impresa?

Pirate Master (Reality)

Forse stenterai a crederlo, ma tra le serie TV pirati esiste anche un reality show americano.

Si tratta proprio di Pirate Master ed è prodotto dalla CBS e ha anchce raccolto un notevole successo, grazie alla nuova visione che riesce a dare alla tematica della pirateria.

Il format prevede la partecipazione di 16 moderni pirati, molto simili ai Vichinghi, alla ricerca di un tesoro nelle isole caraibiche.

Le nuove avventure di Peter Pan

Serie TV pirati d’animazione. Si tratta di una co-produzione indiana, tedesca e francese ispirata al romanzo Peter e Wendy di J. M. Barrie. Rispetto alla storia tradizionale aggiunge però alcuni personaggi e aggiorna l’ambientazione, ritrovandosi nella Londra contemporanea.

Per il resto si tratta di avventure inedite del bambino che non cresce mai, che insieme a Wendy e ai bambini sperduti visita le sirene, la tribù degli indiani, le sinfidi e in particolare i pirati.

Neverland – La vera storia di Peter Pan

Dimentica la visione quasi fiabesca che ti è stata data da bambino di Peter Pan, perché questa miniserie televisiva in 2 episodi, prodotta nel 2011 da Parallel Films e Sky Movies Production, rimescolerà tutte le carte e le tue certezze.

In questa rivisitazione Peter è un ragazzo con la passione per i piccoli furtarelli. Finché, un giorno, questo suo “vizio” cambia la sua vita. Ciò avviene quanto egli tocca una sfera dentro un negozio. Questa però esplode al tocco del giovane Peter e ha come conseguenza quella di fa scomparire tutti i suoi amici.

Dove sono finiti? In un luogo magico che ti ricorderà qualcosa: L’Isola che non c’è. Anche il nostro “eroe” riuscirà a raggiungerla attraverso la sfera, ma riuscirà a riportare a casa i suoi amici sani e salvi?

Commenti disabilitati su Serie TV pirati: ecco le 10 da non perdere Studiare a Viterbo

Read more

Libri scientifici: ecco quelli da leggere assolutamente

Sei alla ricerca di libri scientifici interessanti da leggere perché sei uno studioso o un semplice appassionato?

Se le riviste di divulgazione scientifica o gli Utet test medicina non bastano a soddisfare la tua voglia di saperne di più, o non sono abbastanza approfondite da farti comprendere appieno un determinato fenomeno, non preoccuparti: questo articolo è fatto apposta per te.

In questa guida, infatti, ti suggeriremo i migliori libri da leggere, nonché i migliori master e corsi di laurea, inerenti materie scientifiche. Perché ogni sistema di conoscenze umane ha il suo linguaggio e la tua utilità. Ad esempio, grazie alla scienza, sappiamo che bere acqua aiuta a studiare meglio.

Come dici? Non vedi l’ora di scoprirne di più? Bene, allora hai proprio la ricerca nel sangue.

Non perdiamo tempo, dunque, ed entriamo subito nel merito. Se hai a disposizione carta e penna o programmi per prendere appunti, è il momento di tirarli fuori. I migliori libri scientifici ti aspettano.

Libri di scienza: ecco quali leggere e perché

Per questo articolo abbiamo selezionato alcuni titoli di libri scientifici da leggere assolutamente, tra i quali troverai certamente ciò che stai cercando. Al suo interno, infatti, potrai riscontrare diverse tipologie di testi: dal classico libro di scienze ai manuali divulgativi, passando per i libri di fisica e giungendo fino ai romanzi scientifici. Dalle opere che hanno fatto la storia ai libri scientifici per ragazzi. Insomma, non abbiamo lasciato proprio nulla di intentato.

Cos’è la scienza e di cosa si occupa

divulgazione scientificaI prossimi paragrafi di questa guida saranno interamente dedicati ad alcuni importanti libri scientifici, ad ognuno dei quali abbiamo riservato una piccola recensione.

Ma prima di arrivarci, è doveroso fermarci un attimo per fare una premessa necessaria a fornirti gli strumenti ideali per approcciarti a questi testi. Se stai bene attento, però, inizieremo già da ora a citare alcuni libri interessanti.

Cerchiamo innanzitutto di definire cos’è la scienza e cosa comprende, prendendo in prestito la definizione data da una nota enciclopedia collaborativa online, in cui si legge:

Per scienza si intende un sistema di conoscenze ottenute attraverso un’attività di ricerca prevalentemente organizzata e con procedimenti metodici e rigorosi, allo scopo di giungere ad una descrizione, verosimile, oggettiva e con carattere predittivo, della realtà e delle leggi che regolano l’occorrenza dei fenomeni.

La scienza moderna si sviluppa in modo particolare a partire dalla rivoluzione scientifica del XVI secolo con l’accumulo di conoscenze nei più svariati ambiti del sapere. La storia della scienza descrive il loro sviluppo nel tempo.

L’insegnamento della scienza e la ricerca scientifica vengono praticati non solo nelle università, ma anche in istituti, enti di ricerca e imprese. Vi sono solide vocazioni accademiche, ma anche amatori che si dedicano soprattutto all’osservazione scientifica.

I settori scientifico-disciplinari riconosciuti in Italia per organizzare l’insegnamento superiore, attraverso l’ultimo decreto ministeriale 30 ottobre 2015 sono riconducibili a 14 aree:

  1. Matematiche e informatiche;
  2. Fisiche;
  3. Chimiche;
  4. Della terra;
  5. Biologiche;
  6. Mediche;
  7. Agrarie e veterinarie;
  8. Ingegneria civile e architettura;
  9. Ingegneria industriale e dell’informazione;
  10. Dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche;
  11. Storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche;
  12. Giuridiche;
  13. Economiche e statistiche;
  14. Politiche e sociali.

Se sei interessato a studiare una di queste discipline, clicca su quelle disponibili in elenco, oppure dai un’occhiata a tutte le aree dei corsi di laurea e dei master erogati da Unicusano.

Etimologia di scienza e differenze con la filosofia

Il termine scienza deriva dalla parola latina scientia, cioè conoscenza. Il suo significato, dunque, era facilmente interscambiabile con quello del termine filosofia, come ricostruisce brillantemente Josef Seifert in L’ uomo alla ricerca della verità: filosofia, scienza, teologia”.

Inoltre, secondo Karl Popper, uno dei più importanti filosofi ed epistemologi mondiali, nel suo “Conoscenza oggettiva – Un punto di vista evoluzionistico” sosteneva che:

«La scienza non è un insieme di asserzioni certe, o stabilite una volta per tutte, e non è neppure un sistema che avanzi costantemente verso uno stato definitivo. La nostra scienza non è conoscenza: non può mai pretendere di aver raggiunto la verità, e neppure un sostituto della verità come la probabilità».

Anche se, come la “Rivista di filosofia neo-scolastica” ha fatto notare, non basandosi sul possesso integrale della verità, quest’ultima non era ritenuta una scienza per così dire “totale”.

Ma fatte queste doverose premesse, passiamo a presentare i libri scientifici che abbiamo selezionato per te.

Libri divulgazione scientifica: consigli

In questa guida però, ci concentreremo soprattutto sui libri scientifici divulgativi.

Ecco alcuni libri di scienze da non perdere:

  1. Il senso delle cose. Le provocazioni intellettuali di Richard Feynman, fisico e divulgatore scientifico statunitense, che è stato anche Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica, non sono mai banali. Solo lui è in grado di dimostrare come sovente un’ipotesi da “quasi certamente” falsa possa diventare “quasi certamente” vera;
  2. Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo. Uno dei libri scientifici dal linguaggio più poetico che esista, in cui l’autore Michael Guillen riesce a raccontare e far comprendere a tutti il fondamentale apporto ai vari campi del sapere scientifico, da parte di cinque geni indiscussi come Bernoulli, Clausius, Einstein, Faraday e Newton;
  3. Sette brevi lezioni di fisica. Passiamo ai libri sulla fisica con questa guida a tappe: dalla teoria della relatività generale di Einstein e della meccanica quantistica fino alle questioni aperte sulla architettura del cosmo, sulle particelle elementari, sulla gravità quantistica, sulla natura del tempo e della mente;
  4. La scimmia nuda. Studio divertente sull’uomo, ma rigorosamente scientifico, ad opera di Desmond Morris, zoologo noto in particolare per i suoi studi sulle scimmie. Risultato? In una sola parola: sconvolgente;
  5. L’architetto dell’invisibile ovvero come pensa un chimico. Un viaggio nella mente di un chimico. Lui è Marco Malvaldi e saprà farti divertire a scoprire cos’è una molecola, come cambiano le proprietà degli atomi in essa, ma anche come cambiano le proprietà della molecola in un ambiente. Senza lesinare similitudini tratte dall’economia e dalla letteratura. Davvero interessante;
  6. Botanica. Viaggio nell’universo digitale. Il racconto del mondo vegetale ad opera di uno tra i massimi botanici del mondo, Stefano Mancuso. Dove si fondono passato e futuro, storia ed ecologia e non mancano le emozioni suscitate dalla scoperta scientifica.

Romanzi scientifici

Non sempre i loro contenuti hanno un riscontro scientifico reale. Se però, oltre ai libri prettamente scientifici, sei affascinato anche dal filone di narrativa associato alla fantascienza, magari per leggere qualcosa di leggere durante le vacanze invernali o estive che siano, non puoi assolutamente perderti romanzi “scientifici” di autori come Jules Verne (su tutti Viaggio al centro della TerraVentimila leghe sotto i mariDalla Terra alla Luna e L’isola misteriosa), Edwin Abbott Abbott (Flatlandia), H.G. Wells (La macchina del tempoL’isola del dottor MoreauL’uomo invisibileLa guerra dei mondi), Emilio Salgari (Le meraviglie del Duemila), M.P. Shiel (La nube purpurea), J.D. Beresford (con il romanzo evoluzionista The Hampdenshire Wonder), Arthur Cona Doyle (Il mondo perduto), William Hope Hodgson (La terra dell’eterna notte), Olaf Stapledon (InfinitoLast Men in LondonQ.I. 10000) o Michael Crichton (Jurassic Park). Veri e propri mostri sacri di questo genere.

E con questa breve postilla extra, si conclude la nostra guida su cos’è la scienza e quali sono i libri scientifici più utili e interessanti da leggere.

Commenti disabilitati su Libri scientifici: ecco quelli da leggere assolutamente Studiare a Viterbo

Read more

Serie TV imperdibili: la nostra top ten

Sei un appassionato di telefilm alla ricerca di serie TV imperdibili?

Se i programmi per prendere appunti non sono gli unici che ti interessano, ma ami anche quelli in onda sul piccolo schermo o i film sugli artisti non ti lasciano indifferente, allora stai leggendo l’articolo giusto.

In fondo, alcune fiction televisive aiutano anche a rendere proficua qualche pausa, donando più freschezza ed elasticità alla tua mente. Così come seguire una dieta equilibrata e bere più acqua aiuta a studiare meglio.

In questa vera e propria guida alle serie TV imperdibili ti guideremo tra i migliori telefilm da vedere per diversi generi: dalle fiction italiane più belle fino alle serie TV americane più famose.

Non vedi l’ora e hai già il telecomando in mano o sei collegato a Netflix? Bene, non perdiamo tempo ed andiamo subito a scoprire le migliori serie tv da vedere.

Buona lettura e, speriamo presto, buona visione.

Serie TV consigliate

Tra le serie TV da vedere assolutamente, la fanno certamente da padrona i telefilm americani, ma non solo. Ecco perché, nello stilare per questa top ten Unicusano abbiamo pescato in diverse categorie, sperando di accontentare tutti i gusti e dando il giusto risalto anche alla produzione nostrana di fiction italiane più belle. In poche parole: non ti rimane che preparare i popcorn, metterti comodo e scegliere cosa vedere tra le serie TV imperdibili che stiamo per proporti. Buona lettura e, speriamo presto, buona visione.

Serie TV belle e italiane

Iniziamo proprio da 4 serie TV italiane di successo.

  1. Don Matteo. Servitore di Dio, ma anche detective al servizio della comunità di San Giovanni di Gubbio. Ecco il ritratto del protagonista, interpretato da Terence Hill, che da il nome alla storia. Don Matteo Bondini, attraverso l’amicizia e alla collaborazione con il maresciallo locale, Nino Cecchini (alias Nino Frassica) riesce sempre a intrufolarsi nei casi dei Carabinieri e a risolverli grazie alla sua conoscenza dell’animo umano. Serie Tv da vedere a tutte le età, prodotta da Rai Fiction;
  2. Un Medico in famiglia. Tra le migliori Serie Tv italiane per tutta la famiglia, anch’essa targata Rai Fiction. Forse non sai è che è ispirata ad una fiction spagnola dal titolo Médico de Familia in onda sulla rete iberica Telecinco. Al centro della storia italiana, le vicende della famiglia del medico vedovo Lele Martini, i figli, il mitico Nonno Libero (interpretato da Lino Banfi), sua cognata, la colf, amici e dipendenti dell’ospedale. Ma con il passare degli anni il nucleo familiare vedrà diversi cambiamenti;
  3. I Cesaroni. Fiction Mediaset ambientata a Roma, che ruota attorno alle vicissitudini di una famiglia allargata, quella di Giulio e Lucia, due ex fidanzati che si ritrovano casualmente e riallacciano i fili del loro amore di gioventù. I due si sposano e vanno a vivere insieme, ma non soli: con loro i rispettivi figli, 3 per Giulio e 2 per Lucia. Senza dimenticare i simpaticissimi Cesare (fratello di Giulio), l’amico Ezio e famiglia. Riusciranno a convivere tutti sotto lo stesso tetto?
  4. Il Commissario Montalbano. Fiction tratta dagli omonimi romanzi di Andrea Camilleri, incentrata sul commissario di polizia che presta servizio nell’immaginaria cittadina siciliana di Vigata, combattendo mafia e malaffare. Di diritto tra le serie TV imperdibili italiane, in quanto tra le più viste e acclamate di sempre.

Serie TV Sky più belle

Un’altra delle serie TV imperdibili italiane è apparsa per la prima volta nel 2014 su Sky Italia.  Si tratta di Gomorra. Specifichiamo che si tratta della serie, perché la storia è liberamente ispirata dagli omonimi best seller e film per il cinema.

Una fiction da vedere, che racconta le storie di camorristi, criminali e spacciatori operanti nella periferia di Napoli, specialmente del clan camorrista dei Savastano,  comandato dal temuto e rispettato boss di Secondigliano: don Pietro. Particolare attenzione è posta anche alle ramificazioni del crimine all’interno del mondo degli affari e in quello della politica.

Con Gomorra siamo quindi a quota 5 serie TV imperdibili e cambiamo totalmente genere rispetto a quelli di cui abbiamo parlato finora questo momento, entrando nettamente nella tipologia crime.

Anche se, tra personaggi avidi, crudo realismo e azioni brutali, in Gomorra non mancano di certo gli intrecci sentimentali. Guardare per credere.

Migliori serie TV Netflix e Infinity

Continuiamo questa nostra carrellata di serie TV imperdibili con i telefilm in streaming visibili su piattaforme come Netflix o Infinity.

  1. Pretty Little Liars. Dal crime di Gomorra allo stile thriller e dramma adolescenziale di una delle serie t v americane più di successo degli ultimi anni. Ispirata all’omonima serie di libri, vede come protagoniste una comitiva di 5 giovani amiche che trascorrono insieme la notte del Labor Day organizzando un pigiama party. In quella occasione, però, la leader del gruppo, la popolare Alison DiLaurentis, scompare misteriosamente. Senza di lei e sconvolte dall’accaduto, le altre ragazze si allontanano per un po’. Finché iniziano a ricevere degli strani sms, firmati “-A.”, contenenti segreti che solo ad Alison conosceva. Si convincono dunque che la loro amica sia ancora viva e che si diverta a tormentarle. Ma il ritrovamento del cadevere di Alison smonta questa pista. Chi è allora “-A”? Forse l’assassino di Alison? Prova a vedere serie TV e a svelare il mistero;
  2. The Big Bang Theory. Ecco una serie TV consigliata a chi è affascinato dal mondo della scienza, nerd e geek. Si tratta di una sit-com in grado di coniugare realtà scientifiche e risate. Racconta la vita di 4 brillanti giovani che lavorano presso il California Institute of Tecnology di Pasadena. Tanto intelligenti e dediti a scienza, video giochi e fumetti, quanto socialmente inetti. Ma qualcosa sta per stravolgere le loro vite e la loro routine: Penny, una bella ragazza trasferitasi dal Nebraska col sogno di diventare attrice.
  3. Breaking Bad. Immancabile in un elenco serie TV degno di questo nome. Parla di Walter White, un insegnante di chimica sottopagato che scopre di avere un cancro al quarto stadio ai polmoni e inizia a produrre metanfetamina insieme ad un suo ex studente nel giro della droga.

Serie TV fantasy

La nostra classifica serie TV è quasi completa. Abbiamo già raggiunto quota 8 fiction. All’appello, adesso, ne mancano quindi soltanto due.

E noi abbiamo pensato di riservare questi ultimi slot ancora disponibili ad un genere davvero affascinante: il fantasy.

  1. Il trono di spade. Non possiamo farne a meno tra le nostre serie TV imperdibili. Lanciata nel 2011, è tratta dalla saga Cronache del ghiaccio e del fuoco. Essa è ambientata in un grande mondo immaginario costituito principalmente da Westeros (il continente Occidentale) e da Essos (continente Orientale) e racconta le avventure di svariati personaggi. Il centro più importante di Westeros è rappresentato dalla città capitale Approdo del Re, in cui si trova il Trono di Spade dei Sette Regni. La lotta per la conquista del trono porta genera intrighi politici, economici e religiosi che lasciano la popolazione nella povertà e nel degrado, mentre le famiglie più nobili e potenti del continente si scontrano;
  2. Buffy – L’ammazza vampiri. La protagonista di questo horror action, che da il titolo alla serie, è una giovane ragazza di Los Angeles. Non una come tante: lei è la “cacciatrice”. Ovvero colei in grado di affrontare vampiri, demoni e forze del male. Ad assisterla in questo pericoloso ruolo, la cosiddetta “Scooby Gang”.

Ed eccoci giunti alla conclusione della nostra guida sulle serie TV imperdibili. Hai già scelta quale vedere per prima?

Commenti disabilitati su Serie TV imperdibili: la nostra top ten Studiare a Viterbo

Read more

Marketing politico: cos’è, come funziona e perché è fondamentale

Sei un appassionato di politica, o semplicemente di comunicazione, e ti stai chiedendo cos’è il marketing politico e a che cosa serve?

Ormai un buon consulente politico, oltre ad aiutare i suoi assistiti nello sviluppo della leadership, deve essere un esperto di campagna elettorale e strategie comunicative.

Insomma, se questo è un ambito che ti intriga e ti interessa particolarmente, non puoi fare a meno di studiare questa materia. Ecco perché abbiamo deciso di realizzare una guida che potesse fungere da vero e proprio manuale di marketing politico.

In questo articolo, infatti, troverai tanti trucchi e consigli utili che ti indicheranno come fare una campagna elettorale vincente o impostare un piano di comunicazione politica più a lungo termine.

Sei curioso di saperne di più? Molto bene, allora non perdiamo tempo e iniziamo subito. Perché in politica il tempo è tiranno e nella comunicazione bisogna sempre stare sul pezzo.

A questo punto non ci rimane che augurarti buona lettura e…buona campagna elettorale.

Tutto ciò che devi sapere sul marketing applicato alla politica

Come si struttura e si gestisce, quindi, una strategia politica dal punto di vista organizzativo e comunicativo? Andiamo subito a scoprirlo nel dettaglio, a cominciare dal prossimo paragrafo.

Marketing elettorale: definizione

Iniziamo dalle basi, partendo da marketing politico e definizione. Secondo uno dei più importanti esperti del settore, il francese Michel Bongrand, autore tra gli altri del libro “Le marketing politique”, questo è il significato del termine di cui stiamo parlando:

«Il marketing politico è un insieme di tecniche aventi come obiettivo di favorire l’adeguamento di un candidato al suo elettorato potenziale, di farlo conoscere al maggior numero di elettori e a ciascuno di essi in particolare, di creare la differenza con i concorrenti e gli avversari e con un minimo di mezzi, di ottimizzare il numero di suffragi, che occorre guadagnare nel corso della campagna».

Come organizzare una campagna elettorale

Entriamo adesso nel merito del marketing politico elettorale vero e proprio.

Una campagna elettorale deve essere basata innanzitutto su organizzazione e strategia. Ecco perché la prima cosa da fare è quella di dare vita ad un comitato elettorale. Questo vale sia che tu sia interessato a capire come organizzare una campagna elettorale comunale che a qualsiasi altro livello superiore.

Ma come si costituisce un comitato efficace? Ecco 5 regole da seguire sempre prima di iniziare:

  1. Cercare e selezionare il luogo ideale dove aprirlo;
  2. Definire settori, responsabili, ruoli e organigramma di chi anima il comitato;
  3. Creare un piano di comunicazione interno e delle prassi operative;
  4. Stabilire un cronoprogramma delle cose da fare. Anche se occorre mettere in conto una forte dose di imprevedibilità in ogni campagna elettorale;
  5. Definire il budget a disposizione della campagna.

A questo punto, prima di definire una campagna comunicativa di marketing politico vera e propria, sarebbe opportuno registrare un flusso di dati, magari affidandosi ad un istituto di ricerca.

come organizzare una campagna elettoraleCiò di cui hai bisogno è capire il contesto nel quale si svolge la campagna, ovvero quali sono le problematiche del territorio di riferimento, che opinione hanno i cittadini del tuo candidato o della forza politica che rappresenti e dei suoi avversari.

Su questo è importante che non prevalgano le tue opinioni e quelle della compagine per le quali lavori, ma quella degli elettori. Qui entra in gioco l’istituto di ricerca che effettua sondaggi.

Solo a questo punto, sulla base dei dati raccolti, è possibile elaborare una strategia elettorale, e quindi una campagna politica, corretta. Utile a solleticare le corde più sensibili dei cittadini, in modo da valorizzare i propri punti di forza e dettare in questo modo l’agenda politica anche agli avversari, potendo scegliere il campo di scontro più congeniale.

Come elaborare una strategia di comunicazione politica

Una volta istituito e organizzato il comitato elettorale e raccolti i flussi di dati necessari ad articolare la strategia, i prossimi passi del perfetto piano di marketing politico prevede:

  1. Stanziare il budget a disposizione per la comunicazione;
  2. Stabilire coordinato campagna, claim, eventuali foto candidato;
  3. Redigere un piano di comunicazione complessivo;
  4. Sviluppo di un piano di comunicazione integrata e specifico per ogni canale, dal comunicato stampa ai social network e agli spot radiotelevisivi;
  5. Pianificazione eventi, manifestazioni, interviste e conferenze stampa;
  6. Definizione cronopragramma e format appuntamenti.

Libri di marketing e politica

Qualora volessi ulteriormente approfondire la materia, parliamo di marketing politico e libri sulla materia.

Ecco alcuni testi da leggere, magari per realizzare una tesi di laurea in marketing e comunicazione inerente Scienze Politiche.

  1. Marketing politico: come vincere le elezioni e governare, di Marco Cacciotto. Il libro illustra il ruolo che svolge la professionalizzazione della politica nella conquista del consenso in tempi di fast politics e in un contesto che necessita di una comunicazione permanente, declinata in maniera differente per ogni differente media e in grado di rivolgersi alle infinite praterie della web in tempo reale;
  2. Il marketing della politica. Funzione, strategia e comunicazione dei partiti, di Fabrizio Iaconetti. Come sta cambiando la l’orientamento e il linguaggio dei partiti politici in Italia, nell’era del prodotto, in cui si passa dai programmi ai progetti, dal cittadino al “cliente”? L’autore prova a raccontarlo in questo volume, nel quale riporta case history politiche internazionali, interviste a responsabili della comunicazione di partiti italiani e ed esperti di marketing;
  3. (E)lezioni di successo. Manuale di marketing politico, di Alberto Cattaneo e Paolo Zanetto. In questo libro i due autori espongono in modo sistematico i principi del marketing politico, soffermandosi sulla loro applicazione dal punto di vista pratico e operativo.
  4. Internet e comunicazione politica. Strategie, tattiche, esperienze e prospettive, di Antonio Palmieri. Testo sul marketing politico molto attuale, che si sofferma sulla necessità di comunicare online in maniera convincente ed empatica di oggi. Utile a comprendere in che modo il web può connettere in maniera convincente e diretta i singoli cittadini con i leader politici. Da Renzi a Berlusconi, passando per Salvini e Grillo. Libro ricco di idee, spunti, suggerimenti e aneddoti reali dell’autore, utili a comprendere come organizzare una campagna elettorale ad ogni livello e gestire la comunicazione politica di governo e di opposizione.

Master in Political Marketing

Se vuoi davvero diventare un esperto di marketing politico e farne la tua professione, devi sapere che ci sono dei corsi in grado di darti le competenze e le qualifiche necessarie per realizzare questa tua ambizione.

In questo campo Unicusano rappresenta un’eccellenza, grazie al suo master di I livello in Political Marketing. Esso si si rivolge agli addetti del settore, dai consulenti politici ai responsabili della comunicazione politica, passando per i portavoce, i responsabili delle relazioni istituzionali e del public affair, ma anche a tutti i laureati in discipline umanistiche ed economico-giuridiche interessati.

Questo è possibile anche grazie alla qualità e alla flessibilità del master, garantite dall’alto profilo dei docenti e dall’erogazione in modalità e-learning. infatti è possibile seguire le lezioni direttamente online, quando vuoi e da dove vuoi, senza alcun limite massimo di numero visualizzazioni. Un metodo pratico, innovativo ed efficace.

Commenti disabilitati su Marketing politico: cos’è, come funziona e perché è fondamentale Studiare a Viterbo

Read more

Vacanze invernali al mare: idee low cost per studenti

Hai mai pensato di trascorrere le vacanze invernali al mare?

Ebbene sì, è possibile e pure a prezzi contenuti e accessibili.

Se ti stai chiedendo dove andare a capodanno, la soluzione più affascinante può essere quella del mare d’inverno. Almeno qui da noi, perché in alcune zone del mondo, magari, è già piena estate. Trasformandosi così in ambite mete estive per giovani economiche.

Basta cercare bene, verificare stagioni in corso e disponibilità, informarsi su prezzi e pacchetti vacanze studenti. E il gioco è fatto.

Pensi che sia troppo complicato? Non preoccuparti, perché stai leggendo l’articolo giusto.

In queste guida, infatti, cercheremo di fornirti tutte le dritte utili a pianificare i migliori viaggi maturità organizzati o le più belle vacanze per studenti universitari. Anche perché, soprattutto se ti sei appena diplomato o frequenti con ottimi risultati i migliori master universitari, è giusto concederti qualche pausa ogni tanto.

Idee viaggio maturità e per studenti universitari

Sei curioso di conoscere le più belle mete low cost per le tue vacanze invernali al mare? Allora andiamo a conoscere subito dove andare a capodanno o più in generale tra dicembre e marzo al caldo, augurandoti buona lettura e, speriamo presto, anche buon viaggio.

Inverno caldo: ecco dove passarlo

Una famosissima canzone di Adriano Celentano del 1968 recitava:

«Cerco l’estate tutto l’anno e all’improvviso eccola qua. 
Lei è partita per le spiagge e sono solo quaggiù in città, sento volare sopra i tetti un aeroplano che se ne va. 

Azzurro, il pomeriggio è troppo azzurro e lungo, per me. Mi accorgo di non avere più risorse senza di te, e allora io quasi quasi prendo il treno e vengo vengo da te. Ma il treno dei desideri nei miei pensieri all’incontrario va. 

Cerco un po’ d’Africa in giardino, tra l’oleandro e il baobao, come facevo da bambino, ma qui c’è gente, non si può più. Stanno innaffiando le tue rose, non c’è il leone, chissà dov’è» 

Il titolo del brano nel quale l’Adriano nazionale cercava l’estate tutto l’anno, tra il treno dei desideri e l’Africa in giardino, era Azzurro.

In realtà per trovarla basterebbe ricordarsi che nell’emisfero boreale essa dura dal 20-21 giugno, chiamato solstizio di giugno, fino al 22-23 settembre, ovvero l’equinozio di settembre. Questo, infatti, è il periodo che siamo abituati a conoscere in Italia, ma non è ovunque così.

Nell’emisfero australe, ad esempio, l’estate cade in tutt’altro periodo. Addirittura dal 22 dicembre al 20 marzo, esattamente lo stesso periodo in cui da noi è inverno.

dove andare a capodannoMotivo per il quale, già così, è potenzialmente possibile andare al mare da giugno a marzo. Da prima di ferragosto a dopo capodanno.

Ci avevi mai riflettuto? Forse no, o magari si, ma pensavi che sostenere delle vacanze invernali al mare fosse una scelta troppo costosa. Invece non è affatto detto che sia così e nei prossimi paragrafi ti spiegheremo meglio perché. 

Tripadvisor: Canarie, Goa e Sharm el Sheikh tra le mete più convenienti

Smanettando tra le ricerche Tripadvisor alternative, intese come quelle riferite a mete particolari, si scopre che tra le destinazioni invernali più convenienti per rimanere al caldo a dicembre, gennaio, febbraio o marzo figurano alcune delle più belle spiagge da sogno nel mondo.

  1. Canarie – Soprattutto Fuertaventura, Lanzarote e Tenerife;
  2. Goa – Piccolo Stato dell’India;
  3. Sharm el Sheik – In Egitto;
  4. Sri Lanka – Se vuoi spostarti verso l’Oriente, in Asia;
  5. Grenada – Piccolo Stato nei Caraibi;
  6. Capo Verde e Mauritius – Arcipelaghi di isole africane;
  7. Orlando – Città della Florida che non ha esattamente il mare, ma lagune molto interessanti e acqua park spettacolari.

A questi potremmo aggiungere le isole calde delle Filippine (Palawan e Boracay fra tutte), oppure l’arcipelago di Palau.

Ma cerchiamo di conoscere meglio queste mete e i prezzi che le contraddistinguono, una per una.

Canarie

Le Canarie sono una comunità autonoma della Spagna, costituita da sette isole maggiori e altri piccoli isolotti minori.

In generale, Fuerteventura in inverno è probabilmente la più conveniente sotto i maggiori punti di vista. Sempre secondo la nostra concezione “boreale” della stagione invernale.

Esclusivamente dal punto di vista degli spostamenti, però, è Tenerife l’isola più economica. Basti considerare che il costo settimanale del noleggio di un’auto per quattro persone ammonta a poco più di 100 euro.

Anche Lanzarote è abbastanza economica, subito dopo Fuerteventura e Tenerife.

Goa

Si tratta del più piccolo Stato dell’India in quanto a superficie. Ma anche particolarmente economica per quanto riguarda il cibo.

Se vai a cena con i tuoi amici, una cena per quattro persone può costare intorno ai trenta euro: circa 25 per mangiare, uno per un paio di bevande analcoliche e quattro per due pinte di birra. Mica male.

Anche gli affitti qui sono davvero economici. Inoltre è una meta molto apprezzate per le sue spiagge e caratterizzata anche da un’affascinante architettura portoghese, sviluppata in epoca coloniale.

Sharm el Sheik

Economico anche perché piuttosto vicina all’Italia. Il costo del viaggio è quindi abbastanza contenuto e trovare voli low cost non è assolutamente una rarità, anzi è piuttosto frequente.

Qui il clima caldo e mite è sempre presente, anche durante i mesi invernali, e i pacchetti di immersioni nel Mar Rosso partono da 20 euro.

Gli affitti sono vantaggiosi, secondi forse solo a quelli di Goa, soprattutto se si opta per un Riad o un appartamento.

Sri Lanka

Questa isola dell’Oceano indiano ha prezzi simili a quelli di Goa. Per cui, anch’essa è molto conveniente.

Forse la cosa più costosa, però, è il volo. Ma anche qui una cena per quattro costa non più di 30 euro e due birre intorno ai 5 euro.

Mentre i beni di prima necessità sono accessibili a costi davvero irrisori.

Grenada

Caraibi: dove andare se sogni il mare esotico tipico di questa famosissima regione delle Americhe? Grenada è la destinazione più bella e conveniente che fa al caso tuo.

In questa isola a Nord di Trinidad e Tobago e a Sud di Saint Vincent e Grenadine, dimenticherai completamente cos’è il freddo invernale.

Il tutto a prezzi convenienti, nel secondo più piccolo Stato indipendente indipendente di tutto il continente americano.

Mauritius

Per vacanze invernali al mare di gruppo, o in famiglia, questa è una destinazione vantaggiosissima, oltre che mozzafiato. Una bella casa vacanze per cui acquistare generi alimentari a costi davvero conveniente. Con meno di quattro euro, infatti, è possibile comprare ben dieci panini.

Orlando

In questo caso abbiamo fatto un’eccezione, una piccola deroga alle vacanze invernali al mare. Nel senso che, come abbiamo già accennato, qui non c’è il mare nel senso classico del termine, ma lagune, acqua park e Disneyworld sono degli ottimi surrogati.

Inoltre i prezzi sono davvero bassi, viaggio probabilmente escluso. Ad esempio il noleggio di un’auto cosa all’incirca quanto a Sharm el Sheik, mentre bere birra quanto Fuerteventura.

Vacanze al mare in inverno: hai già scelto dove andare?

E così si conclude la nostra guida sulle vacanze invernali al mare.

Come vedi, non è poi una cosa così impossibile. Anzi, con la giusta organizzazione e lungimiranza, potresti aver trovato l’estate tutto l’anno, proprio come cantava e sognava Celentano.

A questo punto non ti rimane che trovare la meta più adatta alle tue esigenze, tra quelle che abbiamo suggerito, organizzare il tutto e partire per goderti mare, sole e caldo. Buon viaggio.

Commenti disabilitati su Vacanze invernali al mare: idee low cost per studenti Studiare a Viterbo

Read more

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.