informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Rischio sismico in Italia: cosa c’è da sapere

Commenti disabilitati su Rischio sismico in Italia: cosa c’è da sapere Studiare a Viterbo

Sei uno studente di ingegneria presso l’università online Niccolò Cusano di Viterbo e ti piacerebbe lavorare nella progettazione sismica delle strutture? Se è cosi, questo articolo è per te. Il nostro staff ha realizzato infatti una guida sul rischio sismico in Italia. Ci occuperemo di cosa è il rischio sismico e qual è la situazione del nostro paese sotto questo punto di vista.

Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più, ti consigliamo di continuare a leggere.

Rischio sismico: cos’è

rischio sismico ufficio

depositPhoto.com/MichalLudwiczak

Con rischio sismico si intende:

la probabilità che si verifichi o che venga superato un certo livello di danno o di perdita in termini economico-sociali in un prefissato intervallo di tempo ed in una data area, a causa di un evento sismico.

Il rischio sismico quindi è un indicatore che consente di valutare gli effetti dei danni che un evento sismico può provocare in una determinata area.

Frutto di un’analisi matematico-ingegneristica, il calcolo del rischio sismico tiene conto dell’intervallo di tempo del terremoto, della probabilità di accadimento e del grado di intensità.

In pratica il rischio sismico dipende dall’interazione di 3 fattori:

  • Pericolosità (P)
  • Vulnerabilità (V)
  • Esposizione (E)

Espresso in formula, si può esprimere in questo modo:

R = P x V x E

Analizziamo uno per uno i fattori che intervengono nella valutazione del rischio sismico.

Pericolosità

La pericolosità è la probabilità che si verifichi un terremoto di magnitudo superiore alla soglia di picco fissata. Si tratta di un valore che rappresenta la sismicità di una data zona e dipende esclusivamente dalla caratteristica fisica del territorio.

Esposizione

L’esposizione indica la possibilità che un’area subisca un danno in termini economici, di vite e di beni culturali.

Vulnerabilità

La vulnerabilità indica la predisposizione di una costruzione a subire danneggiamenti e crolli.

È importante che le zone a rischio siano dotate di strutture che possano realmente affrontare un sisma senza subire danni.

Ad ogni edificio è possibile attribuire una specifica classe di rischio sismico, quali:

classe A+ (rischio minore)

classe A

classe B

classe C

classe D

classe E

classe F

classe G (rischio maggiore)

Con questa classificazione del rischio sismico è possibile valutare il livello di pericolosità di un edificio rispetto all’eventualità di un futuro evento sismico.

In questo modo quindi diventa possibile stabilire eventuali interventi d’apportare, tempistiche e necessità.

Il rischio sismico in Italia

Per quanto riguarda la situazione del nostro paese, quale quadro ci troviamo davanti?

L’Italia è uno dei paesi del bacino Mediterraneo con maggiore rischio sismico. Questa elevata sismicità scaturisce dalla particolare posizione geografica della nostra penisola. Il fatto di essere situata nell’area in cui convergono la zolla africana e quella eurasiatica sottopone il nostro territorio a forti spinte compressive.

Secondo la carta sismica italiana, ci sono zone che risultano a maggiore rischio sismico di altre, in particolare:

  • Nord-est nella zona prealpina
  • Fascia di montagne dell’Appennino centro meridionale

Per quale motivo?

Partiamo dal Nord-est nella zona prealpina. Il motivo di un rischio così elevato risiede nella vicinanza di due placche della crosta terrestre che si urtano tra di loro. Tra le zone più colpite troviamo il Friuli Venezia Giulia, il Cansiglio, Udine fino ad arrivare alla Slovenia.

Rispetto alla situazione dell’Appenino centro meridionale, troviamo invece la placca adriatica che spinge principalmente verso est, verso i Balcani, fino a spingersi verso Nord.

Classificazione del rischio sismico

Dal 2003 è in uso una classificazione sismica che distingue 4 zone:

  • Zona 1 – area più pericolosa in assoluto
  • Zona 2 – area con densità sismica media
  • Zona 3 – area con densità sismica bassa
  • Zona 4 – area con densità sismica decisamente bassa

Sulla base di questa classificazione è importante valutare l’esigenza di apportare o meno delle modifiche alle strutture e ai propri immobili.

Se volessimo associare la classificazione sismica alle nostre regioni, ecco il quadro che ne uscirebbe:

Zona 1

Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Umbria, Molise, Campania e Sicilia.

Zona 2

Emilia Romagna, Lazio, Marche, Puglia e Basilicata.

Zona 3

Lombardia, Toscana, Liguria e Piemonte.

Zona 4

Sardegna, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta.

Concludiamo il nostro approfondimento sul rischio sismico, ribadendo come tale ambito richieda figure professionali qualificate. Gli eventi sismici verificatisi sul nostro territorio hanno evidenziato l’esigenza di profili specializzati. È in tale ottica che invitiamo i nostri studenti di ingegneria a valutare la nascita di nuovi orizzonti professionali. Specie per gli iscritti ad ingegneria civile, avere competenze tecniche circa la realizzazione di progetti inerenti a strutture antisismiche, può fare la differenza.

Se stai per iscriverti alla facoltà di ingegneria a Viterbo, ma ancora hai qualche dubbio sull’indirizzo da frequentare, leggi quale ingegneria scegliere. Siamo certi che troverai spunti interessanti per compiere una scelta consapevole e adeguata alle tue aspirazioni.

Credits immagine: DepositPhoto.com/Belish

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali