informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Dove mangiare a Viterbo: ecco 15 location imperdibili

Commenti disabilitati su Dove mangiare a Viterbo: ecco 15 location imperdibili Studiare a Viterbo

Stai cercando dove mangiare a Viterbo? Allora questo articolo è fatto apposta per te.

Come saprai, infatti, Viterbo oggi è ormai una meta turistica affermata. Pertanto non mancano luoghi di interesse, sia da un punto di vista culturale che culinario.

Anche perché si sa, mangiare bene e bere di più aiuta pure a lavorare o a studiare meglio.

Ecco perché abbiamo pensato di dedicare una guida apposita che ti aiuti a fare un tour gastronomico alla ricerca del ristorante a Viterbo che possa fare al caso tuo.

Ti piace l’idea? Se hai già l’acquolina in bocca non perdiamo altro tempo e iniziamo subito questo nostro viaggio.

A partire dai luoghi più tradizionali a quelli, per così dire, più esotici.

Buona lettura e, speriamo buona appetito quanto prima.

Ristoranti Viterbo: cosa e dove mangiare

Prima di andare a conoscere i migliori locali di Viterbo, tra ristoranti, osterie e taverne, è necessario concentrarsi su cosa vuoi mangiare. E come fare a scegliere? Non preoccuparti: abbiamo pensato proprio a tutto. Continua leggere, dai un’occhiata e vedrai quante opzioni interessanti abbiamo cercato per te. E ricorda che l’offerta è talmente variegata, dalla cucina locale ai ristoranti giapponesi Viterbo, che non si rischia mai di rimanere a bocca asciutta.

Cosa mangiare a Viterbo e provincia: materie prime e antipasti

Ebbene si, abbiamo stilato per te anche il menu tipico di cosa non puoi assolutamente non mangiare a Viterbo.

Ricordandoti quali sono le materie prime che rappresentano il fiore all’occhiello della città e dell’hinterland.

Ecco i prodotti tipici di Viterbo e zone limitrofe:

  1. Le castagne e le nocciole dei monti Cimini;
  2. Gli ovoli;
  3. I funghi porcini;
  4. Le patate di San Lorenzo Nuovo;
  5. I fagioli di Sutri;
  6. Le carni locali;
  7. Le lenticchie di Onano;
  8. Il pesce di lago;
  9. L’olio extravergine di Canino.

Prima di vedere dove mangiare a Viterbo, proseguiamo con i 5 migliori antipasti tipici della zona. Scegli pure il tuo preferito.

  1. Bruschetta nel frantoio. Semplice e sfiziosa. Fatta con pane abbrustolito e condito con sale, aglio e olio extravergine d’’oliva Canino DOP;
  2. Canata. La ricetta tradizione prevede pane casereccio raffermo, pomodori, basilico, sedano, sale, pepe olio e aceto.  Le varianti più comuni sono quelle che comprendono anche acciughe, tonno, carciofini, cipolline o sottaceti;
  3. Crostini di Lepre. Vuoi sapere come sono fatti? Basta prendere una lepre, un paio di salsicce, salvia, rosmarino, aglio, un rametto di rosmarino, due acciughe dissalate, un pezzetto di peperoncino, aceto, vino, un limone e un cucchiaio di conserva di olive. Risultato? Buonissimi.
  4. Panzanella col pomodoro. Esteticamente può assomigliare ad una bruschetta, ma si tratta di tutt’altro procedimento per un risultato e un sapore diverso. Il pane è casereccio e viene trattato in maniera diversa. Ovvero bagnato;
  5. Fregnacce (così chiamate a Viterbo, ma conosciute anche come Pizzacce o Frittelloni). Uno dei piatti più caratteristici ed originali della Tuscia. Fatte con farina di grano, cotenne di maiale, formaggio pecorino, sale e olio di oliva. A seconda dei gusti, si possono utilizzare anche un uovo intero o del latte;
  6. Frittate. Due le specialità simbolo, ovvero quella con gli strigoli e quella ripassata al tegame a trippa.

 I primi piatti più buoni della Tuscia

Proseguiamo facendo la conoscenza dei primi piatti più gustosi del viterbese.

  1. Acquacotta. Senza ombra di dubbio il piatto tipico tradizionale per eccellenza della Tuscia. A base di pane casereccio, verdure selvatiche ed erbe, viene preparata in diverse varianti. Quella più ricca è probabilmente quella con aggiunta di baccalà. Dove mangiare a Viterbo?Sicuramente non dove non la servono. Il che è, giustamente, impossibile. Visto quanto è buona;
  2. Tagliolini al brodo di tinca. Pasta tipica italiana con brodo di questo raro e prelibato pesce di acqua dolce;
  3. Gnocchi di patate. Con sugo di salsiccia o carne tritata o di salsiccia. E, per finire, aggiunta di pecorino o parmigiano;
  4. Lombrichelli. Impasto di farina di grano tenero, acqua e sale. Con aggiunta del sugo che più si gradisce, anche se quello più tradizionale è il piccante. E il piatto è servito;
  5. Maccarroni di canepina. Piatto conosciuto anche come “Fieno di Canepina”. A base di pasta sottile e leggera, condita con sughi gustosissimi;
  6. Minestra. Due varietà davvero eccezionali sono quella quella di ceci e castagne e quella col battuto. Quest’ultima è fatta con tagliolini all’’uovo, lardo o pancetta, salsa di pomodoro, carota, sedano, cipolla, basilico, olio extravergine d’’oliva, sale, parmigiano o pecorino.
  7. Polenta. “Imbracata”, ovvero con farina di mais, fagioli gialli, gotiche di maiale, lardo o ventresca, pomodori, basilico, cipolla, sale, pepe, olio e pecorino piccante. Oppure nella spianatoia con sugo di costarelle di maiale e salsiccia, in alternativa a uccelletti o con i funghi;
  8. Zuppa. Anche qui abbondano le varietà tipiche. Col pesce di lago (detta anche sbroscia casalinga), coi funghi, con gialloni ed erbarelle, con le fave (scafata), d’agnello, ceci e baccalà.

Ma dove mangiare a Viterbo queste pietanze? Un altro pizzico di pazienza e ci arriviamo.

I secondi piatti più saporiti di Viterbo e dintorni

ristoranti viterbo

Prima di passare a vedere dove mangiare a Viterbo, conosciamo anche i secondi piatti tipici della zona.

Per l’occasione abbiamo pensato di distinguere tra carne e pesce. Due menu tipici delle trattorie a Viterbo.

Nel primo caso, ecco i piatti che ti consigliamo:

  1. Abbacchio al forno;
  2. Coda alla vaccinara;
  3. Coratella in padella con carciofi o con cipolla;
  4. Pignattaccia a base di carni di seconda scelta;
  5. Pollo alla cacciatora;
  6. Porchetta con finocchio selvatico fresco e fiori di finocchio;
  7. Salsiccia in padella con broccoli oppure olive, patate o rape;
  8. Spezzatino d’agnello;
  9. Testina con fagioli;
  10. Trippa al sugo;
  11. Zampetti di citello.

Mentre per quanto riguarda i secondi piatti tipici viterbesi di pesce:

  1. Anguilla alla pescatora;
  2. Coregone alla bolsenese o al forno con patate;
  3. Filetti di persico;
  4. Latterini fritti;
  5. Luccio in umido;
  6. Tinca a porchetta.

Ristoranti Viterbo e provincia: ecco dove mangiare

Per assaporare queste e tante altre specialità, tipiche e non, ci sono tanti ottimi ristoranti a Viterbo e nei paesi limitrofi.

Eccone alcuni veramente degni di nota, molto quotati anche su Tripadvisor Viterbo.

  1. Il Grottino ViterboVia della Cava, 7;
  2. Antica Taverna ViterboVia Sant’Agostino, 12
  3. Taverna Etrusca ViterboVia Annio, 10;
  4. Tredici Gradi Viterbo – Piazza Don Mario Gargiuli, 11;
  5. Ristoranti Porta Romana (Trattoria Porta Romana) Viterbo – Via della Bontà, 12;
  6. Al solito posto ViterboPiazza del Santuario, 34;
  7. Ristorante tre re ViterboVia Macel Gattesco, 3;
  8. Osteria del vicolo ViterboVia S. Vito, 10;
  9. Ristorante la chimera ViterboVia della Volta Buia, 54;
  10. La Forchetta sarda ViterboVia Giuseppe Mazzini, 5;
  11. Hosteria Lo Spito ViterboVia S. Leonardo, 63;
  12. Ristorante QB ViterboStrada Provinciale Cimina, km 2,500;
  13. Osteria San Pellegrino Viterbo – Via San pelelgrino, 30;
  14. Chic Bar ViterboVia Villanova, 2;

E così, augurandoci che questo nostro elenco ristoranti Viterbo ti possa essere utile, siamo giunti alla conclusione di questa nostra guida.

Se ogni tanto hai voglia di qualcosa di qualcosa di diverso e cerchi dove mangiare sushi a Vitebo, ad esempio, ci sono tanti ristoranti giapponesi ben forniti presenti in città. Ce ne sono di veramente di ottimi. La consideriamo la quindicesima location del nostro tour gastronomico.

Anche se la cucina tipica rimane sempre imbattibile.

Ecco perché in definitiva possiamo affermare senza timore di smentita, che il posto migliore dove mangiare a Viterbo è sempre quello in grado di valorizzare al meglio i prodotti e i piatti tipici locali. Senza ombra di dubbio alcuno.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali