informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

26 è un buon voto all’Università? I consigli per alzare la media

Commenti disabilitati su 26 è un buon voto all’Università? I consigli per alzare la media Studiare a Viterbo

Quanto conta per te la media dei voti? Sei il tipo di studente che accetta ogni voto o, al contrario, rifiuteresti anche un buon voto pur di non abbassare la tua media?

Da che “numero” un voto può essere considerato buono? Molti studenti si pongono domande relative ai voti e si trovano in difficoltà quando un voto rischia di abbassare la media.

Nel nostro approfondimento di oggi, lo staff dell’Università di Viterbo Niccolò Cusano si occuperà, nello specifico, di un numero: il 26!

Vogliamo scoprire insieme ai nostri studenti se 26 è un buon voto all’università e quali sono i consigli da seguire per alzare la media.

Se anche tu, di fronte ad un bel 26 tentenni, allora stai leggendo l’articolo giusto per te e ti suggeriamo di procedere con la lettura.

26: un buon voto all’università?

26 buon voto all'università ragazza

DepositPhoto.com/Syda_Production

La prima cosa da fare per capire se 26 è un buon voto all’università, è ragionare sulla scala dei voti.

All’università sappiamo tutti che i voti sono espressi in numeri che vanno da un minimo di 18 ad un massimo di 30.

Per rendere i voti più omogenei in Europa, è stata ideata la scala ECTS – European Credit Transfer System. Questo strumento garantisce il riconoscimento accademico degli esami sostenuti all’estero e rappresenta una tabella di conversione dei voti in giudizi.

I voti espressi in trentesimi corrispondono ad una specifica fascia di giudizio che in Italia e nella comunità europea si traduce secondo questo schema:

da 1 a 17: insufficiente

da 18 a 23: sufficiente

da 24 a 26: discreto

da 27 a 28: buono

da 29 a 30: ottimo

Il 30 e lode corrisponde ad un giudizio eccellente.

Guardando la tabella si evince che un voto come 26 è esattamente a metà e tendente ad un giudizio positivo.

I voti, e i giudizi corrispondenti, sono una valutazione oggettiva della tua preparazione all’esame.

Tuttavia la soddisfazione proveniente dal voto è del tutto soggettiva. Ci sono studenti che accettano con piacere un 20 (quindi una sufficienza) ed altri che rifiutano un 26 (quindi un voto discreto). I motivi alla base di queste scelte sono molteplici. A volte una sufficienza può rendere felice uno studente che ha trovato particolare difficoltà nello studio di una certa materia. In altri casi un buon voto non è considerato abbastanza se lo studente si è impegnato tanto o pensa di meritare di più.

Il mondo universitario è diverso da quello scolastico e le considerazioni rispetto ai voti sono molteplici. Docente troppo esigente, materia complessa, importanza della materia rispetto al piano di studio, media dei voti. Insomma tutto ciò influisce sulla nostra percezione del voto.

Come alzare la media

Ora che abbiamo visto a cosa corrispondono i numeri nella scala dei voti e dei giudizi, chiediamoci se esiste un modo per alzare la media?

Scopriamolo insieme.

Calcolo matematico

La media dei voti all’università non è altro che un calcolo matematico. Per calcolare la media ti basterà sommare tutti i voti presi e dividere il totale per il numero di esami sostenuti.

Facciamo un esempio pratico.

Fino ad oggi hai sostenuto 8 esami e i tuoi voti sono stati:

26 – 26 – 28 – 26 – 30 – 24 – 28 – 30

Sommando i voti, ottieni un totale di 218.

Per ottenere la media farai questa divisione, ovvero 218/8. Il risultato sarà 27,25.

Sappi che la commissione per giudicare la tua tesi di laurea si baserà sulla media indicativa ottenuta al momento della laurea. Pertanto, sarai tu a scegliere se mantenere una certa media, rischiare di abbassarla accettando un voto basso o migliorarla.

Tornando al nostro esempio pratico, se al prossimo esame ricevessi ed accettassi un 18, la tua media scenderebbe a 26,22.

Se continuassi a prendere voti più bassi, come un 20, al decimo esame la tua media scenderebbe ancora a 25,6.

Se intendi migliorare o mantenere la tua media devi fare questo genere di calcoli e non solo. È importante tenere a mente la media che hai nel momento in cui sostieni un esame. Pertanto, se non intendi scendere sotto la media del 27, sappi che potrai “concederti” solo qualche voto basso. Non saranno certamente due sufficienze ad inficiare una media alta. L’importante è che non capiti di frequente. Ad ogni modo, in base al livello in cui ti trovi di volta in volta, potrai decidere se accettare o meno un voto. In generale, per mantenere una certa media, dovresti cercare di prendere voti da quel punto in su.

Evitare di rifiutare troppo spesso il voto

Sembra paradossale, ma è così! Rifiutare troppo spesso un voto potrebbe farti abbassare la media. Quando ricevi un voto, cerca di essere obiettivo e capire se effettivamente corrisponde alla tua preparazione. Se sei consapevole che più di tanto non avresti potuto ottenere, rifletti prima di non accettare il voto. Il rischio è di ripetere più volte uno stesso esame e prendere addirittura voti più bassi.

Chiudiamo la nostra guida ricordandoti che se vuoi mantenere alta la media, dovrai impegnarti tanto nello studio. A tal proposito leggi i nostri consigli sugli orari migliori per studiare.

Credits immagine: DepositPhoto.com/peshkov

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali