informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere la tesi di giurisprudenza in tre mesi? Il tempo “giusto” per la tua prova finale

Commenti disabilitati su Scrivere la tesi di giurisprudenza in tre mesi? Il tempo “giusto” per la tua prova finale Studiare a Viterbo

Sei uno studente iscritto alla facoltà di giurisprudenza presso l’Università di Viterbo Niccolò Cusano? Hai finito tutti gli esami? Finalmente puoi tirare un sospiro di sollievo, ma sappi che c’è ancora qualcosa che manca per completare il tuo percorso universitario. Si tratta della tesi di laurea. Se il tempo a tua disposizione non è molto e ti stai chiedendo come sia possibile scrivere una tesi di giurisprudenza in tre mesi, sappi che stai leggendo l’articolo giusto per te.

Anche se tre mesi sono un tempo ristretto, puoi farcela. Pertanto, rimbocchiamoci le maniche e non perdiamo ulteriore tempo prezioso.

Scrivere una tesi di giurisprudenza in tre mesi: si può fare?

Affermare che ci sia un tempo giusto per preparare la tesi di laurea non è del tutto corretto. La progettazione e la stesura di una tesi dipendono da molteplici fattori, alcuni dei quali legati alla tua vita stessa di studente.

Poniamo il caso che tu sia uno studente lavoratore e di avere a disposizione solo poche ore al giorno da dedicare allo studio e quindi anche alla tesi. In questo caso, il tuo tempo di scrittura tesi sarà maggiore rispetto a chi invece può dedicare l’intera giornata al progetto. Come vedi, ci sono molti fattori che incidono sulla questione tempo.

Solitamente il tempo medio per preparare una tesi è 6 mesi, comprendendo anche i tempi di richiesta al relatore ed i primi giorni per la pianificazione del lavoro. C’è poi da considerare anche la materia in cui ci si laurea. Giurisprudenza ad esempio è una facoltà che richiede molto impegno, concentrazione e dedizione.

Tuttavia, scrivere una tesi di giurisprudenza in tre mesi è fattibile. Si tratta di una sfida ardua, ma non impossibile. Come vedrai, tutto ruoterà attorno ad un concetto fondamentale: organizzazione.

Vediamo allora come fare con i consigli di Unicusano.

scrivere una tesi giurisprudenza in tre mesi studente

1 – Mantenere la lucidità

La prima cosa da fare è restare lucidi. Quello che potrà sembrare, a prima vista, un consiglio banale è, in realtà, la base per partire con il piede giusto. Solo mantenendo la lucidità riuscirai a mettere da parte l’ansia, non farti prendere dal panico ed affrontare i mesi che verranno con la giusta serenità. Una mente lucida ed uno stato d’animo sereno sono sinonimo di concentrazione e migliore resa nel lavoro, in questo caso nella preparazione della tesi.

Dopo questo primo doveroso consiglio, passiamo alle questioni pratiche e vedrai che la domanda “In quanto tempo scrivere la tesi?” diventerà una questione secondaria.

2 – Tesi compilativa o sperimentale?

Una volta stabilito di avere a disposizione tre mesi per scrivere la tesi, dovrai decidere tra tesi compilativa e tesi sperimentale. La tesi compilativa, detta anche teorica o curricolare, si basa sull’analisi e l’elaborazione di una grande raccolta di fonti e bibliografia. La tesi sperimentale (o empirica) è un lavoro di ricerca su un argomento prescelto da cui far emergere nuovi dati, aspetti originali ed innovativi. Quest’ultima si basa quindi sull’analisi di una situazione nuova da affrontare in prima persona. Anche se la tesi compilativa può sembrare più facile (e quindi realizzabile in tempi più brevi) questo non è sempre valido. Se hai già una certa confidenza con l’eventuale argomento della ricerca, la tesi sperimentale, in questo caso, potrebbe essere la scelta migliore. Il nostro consiglio quindi è essere decisi su argomento e tipologia della tesi.

3 – Pianificare le giornate

Il terzo consiglio, per non perdere tempo, è pianificare le giornate di lavoro. Partiamo da un semplice calcolo matematico: 3 mesi equivalgono a 90 giorni. In 90 giorni possiamo fare molto, l’importante è non sprecare tempo e non rimandare, il tutto concedendosi pause e momenti per se stessi.

Ecco un’ipotesi di calendario settimanale, con veri e propri turni, come se lavorassimo in ufficio:

  • dal lunedì al venerdì lavorare alla tesi per circa 8 ore al giorno (4 ore ogni mattina e 4 ore ogni pomeriggio)
  • sabato e domenica lavorare alla tesi circa 4 ore al giorno

In questo modo avrai tempo per dedicarti alle tue passioni e ai tuoi interessi e tornare sui libri più carico e motivato.

Attenzione a non commettere l’errore di lavorare ininterrottamente, senza concederti pause. Rischieresti di ottenere l’effetto contrario ed essere improduttivo.

Tieni sempre a mente il tuo planning quotidiano e settimanale e cerca di rispettare le scadenze prefissate.

4 – Programma di stesura tesi

Passiamo ad un altro aspetto pratico per scrivere una tesi di giurisprudenza in tre mesi, quello relativo alla stesura. Anche in questo caso vale la regola dell’organizzazione e dell’ottimizzazione dei tempi.

Ecco una lista di cose da fare mentre scrivi la tesi:

  • ordinare gli argomenti secondo l’ordine con il quale intendi presentarli
  • al termine di ogni capitolo, inviare un’email al relatore con il documento per il controllo
  • segnare le fonti (cartacee e online) ogni volta che vengono citate nel testo, in modo da comporre la biografia man mano
  • rileggere quanto fatto il giorno precedente per apportare eventuali correzioni o modifiche a mente fresca

Come hai visto, scrivere una tesi di giurisprudenza in tre mesi è possibile. Ciò che conta è essere costanti, sicuri del proprio lavoro ed organizzati. Ora che sai come fare, leggi anche come preparare il discorso per la tesi di laurea.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali