informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare di notte? Ecco perché NON è una buona idea

Commenti disabilitati su Studiare di notte? Ecco perché NON è una buona idea Studiare a Viterbo

Studiare di giorno o studiare di notte? Ecco un dilemma che da sempre gli studenti universitari si pongono. La questione del “momento giusto per studiare” è una delle più dibattute tra gli universitari. C’è chi sostiene che sia meglio sfruttare il giorno e chi, al contrario, ritiene che la notte abbia i suoi vantaggi. Tra pro e contro, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Viterbo ha deciso di concentrarsi sui “contro”. Vediamo allora perché studiare di notte non è una buona idea.

Vuoi saperne di più anche tu? Continua a leggere!

Giorno o notte: esiste il momento giusto per studiare?

Come abbiamo detto poco fa, c’è da sempre chi è fortemente convinto che studiare di notte faccia male e chi invece sostiene il contrario. In generale, è importante sapere che la scelta del momento giusto per studiare è dettata da tanti fattori. Pensiamo ad esempio ad uno studente che durante il giorno lavora. Probabilmente, per studiare, avrà a disposizione solamente la sera. In questo caso, le alternative sono poche. Ma potendo scegliere? Sicuramente sarà capitato a tutti di studiare almeno per una notte, magari proprio durante la famosa notte prima degli esami. Tuttavia, il consiglio del nostro staff è quello di studiare di giorno.

Facciamo dunque chiarezza rispetto a questo dilemma, iniziando a porci domande del tipo:

  • Che senso ha studiare di notte?
  • Perché dovrei studiare di notte se ho tutto il giorno libero?
  • Se studio di notte, quando posso dormire?

Come vedi, il solo fatto di porsi questo genere di domande, suggerisce che studiare ogni notte non è naturale.

Probabilmente in questo momento starai pensando che sei giovane e che il tuo cervello di studente è fresco e in grado di affrontare una sessione di studio notturna. Nessuno vuole convincerti del contrario, semplicemente vogliamo farti riflettere sulle alternative migliori per avere successo nello studio.

Fatta questa dovuta premessa, iniziamo a vedere perché studiare di notte non è un’idea vincente.

studiare di notte stanchezza

Studiare di notte: i motivi per non farlo

In linea di massima la mattina rappresenta il momento migliore per studiare argomenti nuovi e ripassare. Il pomeriggio sembrerebbe perfetto invece per integrare quanto già studiato con dettagli ed approfondimenti. E la notte? Conviene o meno studiare di notte? Scopriamo perché è meglio evitare.

Limiti di attenzione e concentrazione

Studiare di notte può avere diversi risvolti negativi, in modo particolare sulla soglia di attenzione e concentrazione. Tanto per iniziare, studiare di notte vuol dire avere già una giornata sulle spalle. Se hai seguito le lezioni o hai lavorato durante il giorno, probabilmente, di sera tardi, accuserai stanchezza.

Mettersi sui libri sentendosi già stanchi significa essere meno attivi e lo sforzo richiesto è maggiore di quello necessario durante il giorno.

Inoltre alcuni studi hanno dimostrato che studiare la sera prima in condizioni di affaticamento riduce la capacità di memorizzare i concetti per la mattina seguente.

Pensiamo poi a cosa occorre fare per tenersi svegli e non addormentarsi sui libri. Nella migliore delle ipotesi dovrai prendere qualche caffè di troppo. Vedi, queste sostanze eccitanti, a lungo andare, rischiano di avere un effetto negativo sulla tua salute fisica e mentale. Al contrario, studiare di giorno con qualche pausa rigenerante, renderà la tua mente molto più attiva e pronta ad assimilare concetti.

Alterazione del ciclo giorno/notte

Se ci rifletti, il nostro organismo segue un ciclo preciso: essere svegli di giorno e dormire durante la notte.  Alterare per periodi più o meno brevi questo ciclo può rivelarsi non solo controproducente ai fini dello studio, ma anche pericoloso per la salute. Nessuna attività, studio compreso, dovrebbe interferire con il sonno. Riposare in modo regolare e per un adeguato quantitativo di ore a notte è da sempre il metodo migliore per essere produttivi nel lavoro come nello studio. Non dormire per studiare tanto di notte ti renderà meno lucido, nervoso e inconcludente. Che senso ha dunque studiare nelle ore notturne se il risultato è quasi certamente vanificato?

Se proprio desideri sfruttare le ore serali, ti consigliamo di dedicare qualche ora al ripasso di argomenti già studiati o agli esercizi pratici. Ad esempio un’ora prima di cena e un’ora dopo. In questo modo non dovrai sforzarti di apprendere nuovi concetti e richiedere al tuo cervello un impegno eccessivo.

In conclusione la risposta al nostro dilemma è: meglio studiare durante il giorno. Pensa anche a quante possibilità di confronto puoi avere durante la giornata sia con i colleghi universitari che con i docenti. Insomma, svegliarsi presto e riposati, fare una buona colazione, studiare facendo le dovute e meritate pause resta, da sempre, la scelta migliore.

A proposito di momenti giusti per studiare, se in questo momento la tua concentrazione vacilla, leggi anche i nostri consigli per ritrovare la voglia di studiare.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali