informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Doping nello sport: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Doping nello sport: definizione e caratteristiche Studiare a Viterbo

Sai cosa si intende per doping nello sport? Conosci quali sono le sostanze proibite e dannose per la salute degli atleti?

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su questi argomenti e di capirne di più. Abbiamo preparato per te una vera e propria guida sul tema doping, in cui cercheremo di dare una definizione completa ed esaustiva del fenomeno, comprendere l’impatto che esso ha avuto nella storia della sociologia e i problemi che possono causare alcune sostanze spesso assimilabili a delle vere e proprie droghe nello sport, ma anche altre per così dire più leggere.

Vuoi saperne di più? Magari per realizzare una tesi sul doping nello sport? Allora finiamo il riscaldamento pre-partita e non perdiamo tempo: scendiamo in campo ed entriamo subito nel merito. Buona lettura

LEGGI ANCHE – Sport all’aria aperta: ecco quelli perfetti per gli studenti

Il doping e i suoi effetti: cosa devi sapere

Nei prossimi paragrafi andremo dunque ad approfondire in maniera dettagliata ed approfondita del problema del doping nello sport, accendendo i riflettori su quali sono le sostanze stimolanti illegali, ma anche su quelli che sono gli effetti collaterali del doping e le leggi di contrasto al fenomeno.

Cos’è il doping

Per parlare di doping nello sport bisogna prima di tutto intendersi sui termini.

Per fare chiarezza su questo, prendiamo in esame la definizione di doping fornita dall’autorevole Enciclopedia Treccani:

Pratica illegale che consiste nell’assunzione da parte di atleti o nella somministrazione agli stessi di sostanze eccitanti, droghe, farmaci dopanti (ammine simpaticomimetiche, analettici, anabolizzanti, ormone della crescita o anabolizzante GH ecc.), o nel ricorso a pratiche terapeutiche (per esempio autoemotrasfusioni) rivolte a migliorare artificiosamente le prestazioni agonistiche.

Vediamo qualche altro esempio. Il doping nello sport Wikipedia lo definisce così:

Uso di una sostanza o di una pratica medica a scopo non terapeutico, ma finalizzato al miglioramento dell’efficienza psico-fisica durante una prestazione sportiva (gara e/o allenamento), sia agonistica sia non agonistica, da parte di un atleta. II ricorso al doping avviene spesso in vista o in occasione di una competizione agonistica ed è un’infrazione sia dell’etica dello sport, sia dei regolamenti dei Comitati olimpici sia della legislazione penale italiana, inoltre espone ad effetti nocivi alla salute, anche mortali.

Una piccola specifica va fatta per il cosiddetto doping genetico. Ovvero l’assunzione, sempre a scopi non terapeutici, di:

  1. Cellule
  2. Geni
  3. Componenti genetici
  4. Componenti in grado di modulare l’espressione genica

Un esempio concreto? L’impiego di terapie geniche in via di sviluppo per il trattamento di patologie degenerative che agiscono a livello neuromuscolare o che interessano l’apparato locomotore più in generale.

Sostanze dopanti elenco

Per fare chiarezza su quelle che sono le sostanze proibite che possono rappresentare doping nello sport, l’Agenzia Mondiale Antidopnig (World Anti-Doping Agency – WADA) ha redatto il “Codice Mondiale Antidoping Standard Internazionale”.

  1. Agenti Anabolizzanti (attenzione all’uso di anabolizzanti per dimagrire);
  2. Ormoni peptidici, fattori di crescita, sostanze correlate e mimetici;
  3. Beta-2 Agonisti;
  4. Modulatori ormonali e metabolici;
  5. Diuretici palestra e agenti mascheranti;
  6. Stimolanti doping;
  7. Narcotici;
  8. Cannabinoidi e droghe sportive;
  9. Glucocorticosteroidi (attenzione agli steroidi per dimagrire, per i capelli o uso personale).

Alcuni di questi sono sempre proibiti, sia in competizione che fuori di essa, mentre altri esclusivamente in competizione.

Tra i metodi proibiti, invece, troviamo specifiche su:

  1. Manipolazioni del sangue e dei componenti del sangue;
  2. Manipolazione fisica e chimica;
  3. Doping genetico.

sostanze dopantiQuesto codice contiene non solo una lista sostanze dopanti, ma anche metodi proibiti. Nel primo gruppo sono compresi prodotti dopanti facenti parte di queste categorie:

Ci sono poi sostanze proibite in particolari sport, ad esempio l’alcool (etanolo) per quanto concerne Sport aerei, Tiro con l’arco, Automobilismo o Motonautica. Oppure i Beta-Bloccanti nel Tiro con l’arco, Automobilismo, Biliardo, Freccette, Golf, Tiro, Sci e Snowboard, salto con gli sci, esibizioni aeree, sci acrobatico e snowboard, sport subacquei.

Non rispettare l’elenco sostanze dopanti e contravvenire a queste indicazioni può dunque dar vita a casi di doping nello sport.

Effetti doping

Oltre ad una questione etica e di lealtà sportiva, l’uso di sostanze proibite è sconsigliabile anche a causa degli effetti collaterali del doping. Questi, in taluni casi, possono essere particolarmente gravi a seconda della quantità, della durata e dell’uso che ne se fa. Ad esempio:

  1. Perdita di capelli;
  2. Ispessimento della voce;
  3. Ginecomastia e formazione di vere e proprie mammelle;
  4. Irritabilità e aggressività;
  5. Alto rischio di affezioni cardiovascolari;
  6. Maggiori possibilità di tumori;
  7. Riduzione del volume dei testicoli;
  8. Diminuzione degli ormoni androgeni;
  9. Probabile sterilità;
  10. Rischio della formazione di un carcinoma.

per quanto riguarda le donne, inoltre, potremmo aggiungere:

  1. ipertrofia clitoridea;
  2. Interruzione ciclo mestruale;
  3. Abbassamento tono di voce;
  4. Aumento della peluria e della massa muscolare;
  5. Aumento dimensione della clitoride.

Questi sono potenziali effetti anabolizzanti negativi, ma per ogni tipo di sostanza esistono varianti e altri danni gravi per la salute.

Legge antidoping in Italia

Le Norme Sportive Antidoping (NSA) costituiscono di fatto la legge sul doping nell’ambito dell’ordinamento sportivo italiano che disciplinano la materia dell’antidoping e le condizioni cui attenersi nell’esecuzione dell’attività sportiva.

Rappresentando dunque a tutti gli effetti il documento tecnico-attuativo del Codice Mondiale Antidoping della WADA e dei relativi standard internazionali di cui abbiamo parlato nei precedenti paragrafi di questo articolo. Tale documento specifica tutto ciò che c’è da sapere riguardo sanzioni, pianificazione ed esecuzione dei controlli antidoping e analisi di laboratorio, fase di indagine, procedimenti di primo grado ed eventuali impugnazioni.

Le Federazioni Sportive Nazionali, le DSA, gli Enti di Promozione Sportiva, le Leghe, le Società e tutti gli altri organismi sportivi sotto la giurisdizione della NADO (organizzazione nazionale antidoping) sono tenuti a rispettare le disposizioni delle NSA e a collaborare con la loro attuazione e con il programma antidoping.

Inoltre, tutti gli atleti ed il personale di supporto hanno l’obbligo di conoscere e rispettare tali normative quale condizione indispensabile per la partecipazione alle attività sportive.

Studi sullo sport e la medicina

Esistono diverse aree di studio che potrebbero aiutarti nella trattazione di un argomento complesso come quello del doping nello sport. Un tema che si intreccia con discipline mediche, psicologiche, giuridiche e, naturalmente, sportive.

Ecco alcuni master che potrebbero fare al caso tuo, qualora volessi approfondirle:

  1. Management Sportivo. Ti offre la possibilità di interagire direttamente con professionisti di rilievo dello sport italiano;
  2. Psicologia dello Sport. – Per prevenire il doping bisogna studiare e conoscere le emozioni e le problematiche psico-fisiche vissute dagli atleti e sperimentare attiva di tecniche psicomotorie applicate allo sport. Questo master va proprio verso questa direzione;
  3. Procuratore Sportivo. Ti aiuta a diventare una figura professionale altamente specializzata nell’ambito giuridico-sportivo. Perché chi assiste un atleta deve essere il primo a saperlo consigliare e scongiurare il ricorso all’utilizzo di pratiche proibite;
  4. Psicologia della Salute organizzativa. Teorie, strumenti e metodologie per la valutazione del rischio dello stress sul lavoro. Quest’ultimo è spesso uno dei fattori che fa cadere in tentazione gli sportivi;
  5. Psicodiagnostica clinica e forense. Finalizzato a formare professionisti specializzati nell’ambito della psicodiagnostica attraverso una formazione a 360° che permetta allo specialista una corretta analisi e conoscenza della persona al fine di individuare il percorso terapeutico più efficace da intraprendere. Che nello sport non può assolutamente essere il doping;
  6. Medicina, psicologia e biofisica nelle scienze umane. Master più “tecnico” sull’ambito sanitario, farmaceutico, psicologo, biologo e dunque medico.

E con questo si conclude la nostra guida sul doping nello sport. Speriamo che adesso tu possa saperne veramente di più sui rischi delle sostanze proibite e come contrastarle.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali