informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia della sociologia: dalle origini ad oggi

Commenti disabilitati su Storia della sociologia: dalle origini ad oggi Studiare a Viterbo

Vuoi conoscere meglio la storia della sociologia?

Allora hai trovato l’articolo che fa per te. In questa guida, infatti, ripercorreremo le tappe e i personaggi più importanti di questa scienza sociale. Teorie, scuole di pensiero, libri scientifici, uomini e donne famose che hanno fatto la storia di questa disciplina fino ai giorni nostri.

Nei prossimi paragrafi tratteremo tutto e questo e molto altro, tutto ciò che è legato alla storia di questa importantissimo settore di studio.

Fatte queste doverose premesse, non perdiamo tempo e andiamo subito a scoprirne di più. Buona lettura.

Tutto quello che devi sapere sulla sociologia

Storia della sociologia, riassunto tappe principali e sociologi famosi, ma non solo. Partiremo innanzitutto dal significatodi sociologia per cercare di definire con esattezza di si occupa.

Sociologia definizione

Prima di andare a ripercorrere la storia della sociologia, dobbiamo chiederci che cos’è la sociologia.

Ecco come ne parla il vocabolario Treccani:

La sociologia è la scienza sociale che studia i fenomeni della società umana, indagando i loro effetti e le loro cause, in rapporto con l’individuo e il gruppo sociale. Un’altra definizione, più restrittiva, definisce la sociologia come lo studio scientifico della società.

L’enciclopedia collaborativa online Wikipedia, aggiunge al dibattito sulla definizione di sociologia che:

Altre definizioni storiche includono quella di Auguste Comte che la definisce uno strumento di azione sociale, quella di Emile Durkheim, cioè la scienza dei fatti e dei rapporti sociali, infine quella di Max Weber, scienza che punta alla comprensione interpretativa dell’azione sociale (interpretativismo).

Tra i principali modelli teorici della sociologia distinguiamo:

  1. Teorie dell’agire sociale e interazionismo simbolico. Si occupa principalmente dell’interazione sociale che ha luogo nella vita quotidiana delle persone;
  2. Funzionalismo. La società è concepita come un insieme di parti interconnesse tra di loro);
  3. Teorie dell’agire comunicativo;
  4. Sociologia relazionale. La società è fatta di relazioni sociali che non devono essere concepite come una realtà accidentale;
  5. Teorie dialettiche;
  6. Strutturalismo;
  7. Teorie della scelta razionale. Insieme di principi secondo i quali l’individuo pondera le proprie scelte in base ad un computo autonomo tra costi e profitti delle conseguenze di tale scelta;
  8. Teorie sistemiche.

Adesso dovresti già avere più chiaro di cosa stiamo parlando e di alcuni dei massimi esponenti della materia nella storia della sociologia. Più avanti impareremo a conoscerli meglio.

Nascita della sociologia: sintesi

che cos'è la sociologiaLa storia della sociologia come scienza autonoma, ha inizio in un particolare contesto temporale, segnato da alcune componenti significative della rivoluzione industriale del XIX secolo, lo sviluppo delle scienze naturali, l’espansione della classe borghese e l’emergere di alcuni gruppi di intellettuali scontenti dei risultati della Rivoluzione Francese.

La sociologia emerge in maniera forte in quel periodo come risposta accademica ai cambiamenti della modernità e alla disgregazione sociale da essa causata. Dunque allo scopo di comprendere cosa univa i gruppi sociali per prendere delle contromisure.

Mentre la sociologia moderna, volge la sua attenzione più sul grado di influenza esercitato dallee istituzioni sulla società e la vita quotidiana. Non a caso si sono sviluppate con il tempo diverse sottodiscipline: dalla sociologia del lavoro a quella dello sport, da quella dell’arte a quella della cultura e via dicendo.

I padri fondatori della sociologia

Tra i precursori della storia della sociologia novecentesca, di cui abbiamo parlato fino ad adesso, figura certamente Ibn Khaldun, vissuto ben prima: tra il 1332 e il 1406. Khaldun fu difatti il primo, già in quegli anni, a formulazione di teorie sulla coesione e sul conflitto sociale.

Ma le vere radici di questa disciplina sono da ricercare nella filosofia politica e sociale di Platone e Aristotele in primis, e poi di Hobbes, Machiavelli, Giambattista Vico, Rousseau, Hegel, Tocqueville ed Emerson.

Anche se fu il positivista francese Auguste Comte (nome completo Isidore Marie Auguste François Xavier Comte) a coniare per la prima volta il termine “Sociologia” nel XVIII secolo, nel tentativo di unificare tutti gli studi che riguardassero l’uomo: dalla storia alla psicologia, fino persino all’economia.

Altre 10 figure molto rilevanti nella storia della sociologia e nel suo sviluppo, pur non essendo tutti strettamente sociologi, sono state:

  1. Montesquieu (1689-1756). Precursore per l’indagine delle condizioni sociali, delle leggi e dei costumi di modelli sociali differenti;
  2. Rousseau (1712-1778). Anticipatore di temi sociologici come la disuguaglianza, la stratificazione e la proprietà privata;
  3. Anne Robert Jacques Turgot (1727-1781).
  4. Adam Smith (1723-1790). Come non citare la sua analisi sulla divisione del lavoro, gli studi sulla proprietà privata e l’idea dei benefici sociali della concorrenza;
  5. Adam Ferguson (1723-1816). Uno dei primi sociologi a mettere in evidenza i lati negativi indotti dalle attività ripetitive;
  6. John Millar (1735-1801). Anticipò alcuni punti fermi dell’analisi marxista;
  7. Sismonde De Sismondi (1773-1842). Intuì per primo le antitesi dello sviluppo capitalistico;
  8. Karl Marx (1818 – 1883). Sociologo della lotta di classe a favore del proletariato;
  9. Herbert Spencer (1820-1903). Altra faccia della sociologia della lotta di classe, a favore della borghesia;
  10. Vilfredo Pareto (1848 – 1923).  Discorso simile a quello fatto per Spencer.

Ordine sociologi contemporanei

Ed eccoci arrivati alle porte del XX secolo. In questo paragrafo scopriremo alcuni dei sociologi che hanno segnato l’epoca più contemporanea.

Continuando il nostro viaggio nel tempo virtuale, andiamo infatti a conoscere quelle personalità che hanno fatto la storia della sociologia post lotta di classe, tra la fine e l’inizio del ‘900 fino ai giorni nostri. Ecco una top five:

  1. Emile Durkheim (1858 – 1917). Di diritto nella nostra selezione grazie, in particolare, alla sua ricerca del superamento della lotta di classe;
  2. William James (1842 – 1910). Sua una delle ultime due correnti sociologiche del 900, ovvero l’interazionismo;
  3. Ferdinand Tonnies (1855 – 1936). Per la riflessione sulla alienazione e sull’impoverimento dei rapporti sociali e sulla perdita di identità;
  4. Edward Osborne Wilson (1929). La sua sociobiologia è l’altra delle due ultime correnti del XX secolo;
  5. Francesco Alberoni (1929). Sua la teoria dei movimenti collettivi in statu nascenti.

Ed eccoci quasi giunti alla conclusione della nostra guida sulla storia della sociologia. Ma prima di lasciarti, abbiamo pensato di farti un ultimo regalo. Scopri quale nell’ultimo paragrafo.

Studi sulla sociologia

Se sei un appassionato di storia della sociologia e vorresti diventare un esperto di questa disciplina, devi sapere che ci sono diversi corsi che hanno a che fare con questa materia. Tra questi, ti consigliamo in particolare.

  1. Curriculum Pedagogico sociale del corso di laurea in scienze della formazione. Prevede lo sviluppo e l’integrazione di conoscenze e competenze nelle discipline sociologiche e psicologiche;
  2. Master di II livello “L’epoca del mutamento globale. Il nuovo rapporto tra Società e Stato“.
  3. Master di II livello in Teorie, strumenti e metodologie per la valutazione del rischio stress lavoro Correlato. Siamo chiaramente nell’ambito della sociologia del lavoro.
  4. Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale in bullismo e cyberbullismo: studi e tecniche di intervento e prevenzione. Per quanto riguarda la sociologia della famiglia.

 Ma questi sono solo alcuni dei corsi che hanno a che fare con le tante discipline che hanno a che fare con i vari rami della sociologia. Per scoprirli tutti, ti consigliamo di dare un’occhiata all’area didattica del sito Unicusano.

E con questo volge al termine la nostra guida sulla storia della sociologia. Adesso ti senti più preparato sull’argomento? Speriamo proprio di sì.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali