informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Paura del giudizio degli altri: consigli per superarla

Commenti disabilitati su Paura del giudizio degli altri: consigli per superarla Studiare a Viterbo

Hai paura del giudizio degli altri?

Non preoccuparti: non sei né la prima né l’unica persona nella storia della sociologia che si inibisce a causa di questa preoccupazione. Inoltre, in questo articolo, cercheremo di guidarti verso il superamento di questa tua preoccupazione, incoraggiando e stimolando il tuo sviluppo della leadership personale. Perché il primo passo da fare è certamente accrescere la stima di se stessi, ma non solo.

Il punto non è fregarsene degli altri, ma non farsi una “malattia” del giudizio della gente, specialmente quando si sa di essere nel giusto e di avere la coscienza apposto.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo e andiamo subito al sodo, cercando di capire come essere divertenti e piacere agli altri, essere più consapevole del fatto proprio e superare la paura del giudizio.

Paura degli altri: come superarla

Il giudizio degli altri è certamente importante. Non per questo deve condizionarci in maniera ossessiva, perché il giudizio più importante è quello che dobbiamo mettere in pratica nel corso della vita e quello che corrisponde a ciò che noi stessi pensiamo della nostra condotta. Ma come non dare peso al giudizio degli altri? Nei prossimi paragrafi cercheremo di dare una risposta a questa domanda, attraverso studi di psicologia, libri da leggere, citazioni sulla pauraaforismi sul giudicare.

Paura del giudizio degli altri aforismi

Per alleggerire il tema, iniziamo ad affrontare la paura del giudizio degli altri attraverso alcune critiche frasi sul giudicare coniate da illustri personaggi, con l’augurio che possano darti la giusta carica giusta per affrontare i tuoi timori.

Iniziamo con uno dei più bei aforismi su chi giudica, pronunciato dal Re Federico il Grande:

«Sono poche le persone che pensano, però tutte vogliono giudicare».

Anche un genio come Albert Einstein si è espresso sull’argomento:

«Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido».

Stessa lunghezza d’onda per Jean de La Bruyère:

«Non si devono giudicare gli uomini come si giudica un quadro o una statua, a un primo e unico sguardo. C’è un’interiorità e un animo che occorre approfondire».

Da citare anche questa splendide parole sulla vita di Paulo Coelho:

«Non possiamo mai giudicare le vite degli altri, perché ogni persona conosce solo il suo dolore e le sue rinunce. Una cosa è sentire di essere sul giusto cammino, ma un’altra è pensare che il tuo sia l’unico cammino».

Pungente Marcello Marchesi:

«È sbagliato giudicare un uomo dalle persone che frequenta. Giuda, per esempio, aveva degli amici irreprensibili».

Charlie Chaplin suggerisce così di fregarsene del giudizio degli altri:

«Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore».

Una delle più veritiere frasi sulla gente è di Charles Spurgeon:

«La gente che non fa niente, è sempre la prima che fa delle critiche a tutto».

Ha ragione anche Antoine de Saint-Exupery:

«È molto più difficile giudicare se stessi che giudicare gli altri».

Il Giudizio degli altri Schopenhauer

paura degli altriDella paura del giudizio degli altri, si è occupato in modo particolare Arthur Schopenhauer, filosofo tedesco nonché uno dei maggiori pensatori del XIX secolo.

Il suo pensiero in merito è raccolto proprio nell’opera dal titolo “Il giudizio degli altri”, nota anche come “L’arte di ignorare il giudizio degli altri”.

La psicologia come antidoto alle ansie sociali

La paura del giudizio degli altri può addirittura trasformarsi in una fobia sociale (o ansia sociale che dir si voglia).

Come spiega l’enciclopedia Treccani, infatti:

«Con questa locuzione si intende riferirsi a tutte quelle forme di paura intensa che sono legate alla presenza di altre persone e alle situazioni in cui l’individuo può essere osservato nei suoi comportamenti, come il parlare in pubblico, mangiare in pubblico, esprimere le proprie opinioni, formulare delle richieste ecc».

Una definizione che calza a pennello con la paura del giudizio degli altri, non credi?

Ad ogni modo, se nutri un particolare interesse per queste tematiche, ti consigliamo di seguire un corso di Psicologia.

Studi per affrontare le fobie sociali

Ecco quattro dei corsi più attinenti al tema sul giudizio degli altri:

  1. Psicologia clinica e scienza della complessità. Master di primo livello che offre conoscenze e strumenti pratici e innovativi per padroneggiare le diverse forme di terapia e counselling;
  2. Psicologia dello Sport. Altro master di I livello, dedicato ad un settore i cui protagonisti sono spesso sottoposti al giudizio degli altri. Non tutti gli atleti, purtroppo, riescono a gestire questa pressione, ma con questo corso puoi capire come fare;
  3. Psicologia Pediatrica. Uno dei timori più grandi è la paura del giudizio dei genitori. Intervenire nel corso del processo evolutivo di un bambino o di un adolescente può essere fondamentale per evitare lo sviluppo di questo tipo di ansie sociali nel suo futuro. Come fare può spiegartelo questo Master di II livello;
  4. Psicologia della Salute organizzativa – Teorie, strumenti e metodologie per la valutazione del rischio Stress Lavoro Correlato. Altro ambiente nel quale si risente spesso dell’opinione altrui è quello lavorativo. Ecco il Master di II livello adatto ad affrontare questa problematica.

Ma questi sono solo alcuni dei diversi corsi che potrebbero fare al caso tuo. Per conoscerli tutti, visualizza la lista completa dei master area psicologia Unicusano.

E con questo si conclude la nostra guida sulla paura del giudizio degli altri. Adesso che ne sai di più, tocca a te: cerca di valorizzare al massimo la tua persona, rispettando l’opinione altrui, ma senza lasciare che questa ti condizioni in negativo.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali