informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Emozioni primarie e complesse: cosa e quali sono

Commenti disabilitati su Emozioni primarie e complesse: cosa e quali sono Studiare a Viterbo

Conosci la differenza tra emozioni primarie e complesse? E sai quali tra i tuoi sentimenti innati e quelli influenzati dall’interazione con la società, come la paura del giudizio degli altri, siano preponderanti nella tua vita?

Se non sai cosa rispondere non preoccuparti. Con questo articolo ti aiuteremo a capirlo e fare chiarezza su questi interrogativi. Considerala una vera e propria guida o un counseling psicologico gratuito. Metteremo ordine tra emozioni primarie ed emozioni secondarie, ma anche tra emozioni complesse, positive, negative e via dicendo. Passando a conoscere i più grandi studiosi di questa particolare materia psicologia, se non antropologica.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo e entriamo subito nel merito: andiamo a scoprire quanto sei una persona emotiva e di che natura sono i sentimenti che esercitano maggiore influenza su di te.

LEGGI ANCHE – Sviluppo leadership: perché è utile nel mondo del lavoro e non solo.

Emozioni primarie e secondarie: tutto quello che devi sapere

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a spiegare cosa sono, e quali sono, le emozioni primarie e complesse. Vedremo carrieristiche, classificazioni e differenze. Ma prima di tutto partiremo, come è giusto che sia, dalle definizioni generiche per poi entrare sempre più nello specifico delle varie sfaccettature legate alle diverse tipologie di sentimenti. Da quelli più semplici a quelli combinati e dunque più complessi. Buona lettura.

Cos’è l’emozione

Prima di arrivare ad analizzare emozioni primarie e complesse, cerchiamo di definire cos’è un emozione. Per fare ciò, prendiamo come modello la descrizione offerta dall’Enciclopedia Treccani, che ne parla in questi termini:

«Processo interiore suscitato da un evento – stimolo rilevante per gli interessi dell’individuo. La presenza di un’emozione si accompagna a esperienze soggettive (sentimenti), cambiamenti fisiologici (risposte periferiche regolate dal sistema nervoso autonomo, reazioni ormonali ed elettrocorticali), comportamenti “espressivi” (postura e movimenti del corpo, emissioni vocali)».

In pratica le emozioni altro non sono che stati mentali e fisiologici associati a modificazioni psicologiche e a stimoli interni o esterni, naturali o appresi.

Tutto chiaro fin qui? Molto bene, allora andiamo avanti.

Ekman e Damasio: emozioni primarie e secondarie

Chiarito il significato generale di “emozione”, possiamo ora specificare che dentro il concetto di emozione primaria (o di base) rientrano quei sentimenti per così dire innati, ovvero rintracciabili in qualsiasi popolazione. Per il noto neurobiologo Damasio, e non solo, esse sono infatti frutto di un meccanismo preorganizzato.

Teoria confermata anche dagli studi dello psicologo Ekman su alcune popolazioni indigene di un remoto villaggio sulle alture della Papua Nuova Guinea.

Le emozioni secondarie (o complesse), sono invece quelle espressioni che vengono influenzate dalla crescita crescita dell’individuo dall’interazione sociale a cui egli stesso è sottoposta durante il suo sviluppo.

Queste ultime sono complesse perché necessitano di maggiori elementi esterni, immagini emotive o pensieri eterogenei per essere attivate.

Robert Plutchik e i diversi tipi di emozione

A questo punto ti starai chiedendo: ma quali sono nel concreto queste emozioni primarie e complesse?

Una prima autorevole classificazione delle emozioni di base (sinonimo di emozione primaria), è quella fornita dallo psicologo statunitense Robert Plutchik. Esso distingue quattro coppie di espressioni delle emozioni:

  1. Espressioni di gioia contrapposte a quelle di tristezza
  2. Paura contro rabbia;
  3. Attesa contro sorpresa;
  4. Disgusto contro accettazione.

Questo modello è stato sviluppato da Plutchik nel 1980 ed è passato alla storia come “ruota (o cono) delle emozioni”. Queste quattro coppie, mescolandosi tra loro, possono produrre una varietà di esperienze emozionali infinite.

Non a caso il professor Plutchik è stato uno dei più grandi studiosi di emozioni, suicidio, violenza e psicoterapia.

Altra classificazione possibile è quella proposta dal già citato dottor Ekman, attraverso i suoi studi condotti insieme al dott. Friesen.

Secondo Ekman e Friesen, le emozioni primarie sono sei. Ovvero: felicità, paura, rabbia, disgusto, tristezza e sorpresa.

Emozioni: elenco secondarie

emozioni complesseDopo aver messo ordine tra le emozioni primarie, cerchiamo di passare a quelle complesse.

Diversi psicologi, studiosi e autori, concordano sul fatto che dalla combinazione delle primarie, derivino tante emozioni secondarie.

Come ad esempio questo elenco di emozioni e sentimenti: l’allegria, la vergogna, l’ansia, la rassegnazione, la gelosia, la speranza, il perdono, l’offesa, la nostalgia, il rimorso, la delusione.

Emozioni positive e negative

Sulla classificazione tra emozioni negative e positive, invece, gli esperti si dividono. In quanto ogni emozione che proviamo è utile a qualcosa. Anche nel caso di sentimenti, emozioni e stati d’animo intrisi di rabbia o paura, giusto per fare qualche esempio.

In gergo, però, sentimenti come paura, rabbia o disgusto vengono considerate tra le emozioni negative. L’importante, comunque, è riuscire a gestire le emozioni positive e negative in maniera costruttiva all’interno del processo di crescita personale.

Elenco emozioni psicologia: studi attinenti

Ed eccoci giunti all’ultimo argomento della nostra guida sulle emozioni primarie e complesse. Prima di lasciarti, volevamo suggerirti i migliori corsi di laurea e master universitari affini a questa tematica.

In questo settore, infatti, Unicusano rappresenta una vera e propria eccellenza. Grazie alla sua offerta formativa di qualità e alla flessibilità dell’erogazione dei suoi corsi attraverso il sistema e-learning.

Se vuoi specializzarti nel campo delle emozioni o diventare un professionista nel settore della psicologia, ti consigliamo di dare un’occhiata ai seguenti corsi di laurea:

  1. Laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche;
  2. Laurea triennale in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni;
  3. Magistrale in Psicologia clinica e della riabilitazione.

Se invece cerchi un master, ce e sono alcuni che fanno decisamente al caso tuo:

  1. Counseling Psicologico e counseling relazionale (I livello);
  2. Medicina, psicologia e biofisica nelle scienze umane (I livello);
  3. Psicologia dello Sport (I livello);
  4. Salute Organizzativa (II livello);
  5. Psicologia Pediatrica (II livello).

Ma questi sono solo alcuni dei corsi che fanno parte della nostra ampia offerta formativa. Per consultare l’elenco completo, ti consigliamo di visionare l’area didattica del portale Uniusano.it.

Cosa sono le emozioni: adesso sai tutto quello che c’è da sapere

E così siamo giunti alla conclusione della nostra guida sulle emozioni primarie e complesse. Siamo partiti cercando di definire cos’è un’emozione (a proposito l’etimologia della parola emozione è da ricondursi al latino “emovère”, ex = fuori e movere = muovere, letteralmente “portare fuori”) e siamo arrivati agli studi consigliati qualora volessi specializzarti su questi argomenti o, più in generale nel campo della psicologia.

In mezzo non abbiamo fatto mancare riferimenti ai più grandi studiosi e psicologi che si sono occupati spiegare e classificare i diversi tipi di emozioni. Da quelle positive a quelle negative, da quelle primarie a quelle secondarie o complesse. Che poi era ciò che più ci interessava nel nostro caso specifico.

Siamo passati da Damaso e Plutchik a Ekman e Friesen, attraverso la cosiddetta ruota delle emozioni del 1980 e fino ai master universitari di psicologia più innovativi dei giorni nostri. Insomma, non ci siamo fatti mancare nulla e adesso ne sai certamente di più su cosa e quali sono le emozioni primarie e complesse.

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento:
  1. attività istituzionali dell'Università: la stessa potrà raccogliere i Vostri dati personali inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei; potrà, pertanto, successivamente trattare i Vostri dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento per la scelta del percorso universitario;

  2. attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili;

  3. attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti.

Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali

Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è consultabile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Vi informiamo, a tal riguardo, che l’Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’Avvocato Daniela Sasanelli, ad ulteriore garanzia dei Vostri diritti e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo. Il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it.

Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessari per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che non è prevista nessuna diffusione a soggetti indeterminati. Per tali adempimenti i soggetti terzi verranno nominati responsabili del trattamento.

Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi

Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali sono necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a Voi studenti.

Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE)

Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, avete diritto ad essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale, il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento. Detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccetto il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. Vi informiamo, inoltre. che in base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dall’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che, limitatamente ad alcuni dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento, purché non inficiano l’instaurazione e/o prosecuzione del rapporto.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali